Analisi
La lentezza dei dividendi esteri 17 anni fa - lunedì 5 giugno 2000

LA LENTEZZA DEI DIVIDENDI ESTERI

Ho acquistato azioni Bayer, che hanno staccato il dividendo il 2 maggio 2000. A tutt'oggi la banca non mi ha accreditato l'importo. È normale questo ritardo?

·
Purtroppo, anche se si tratta di una situazione indecente, questo ritardo è normale, e soprattutto potrebbe durare ancora per un po' di tempo. Infatti, per quanto Bayer sia quotata a Milano, si tratta pur sempre di una società tedesca per cui lo stacco dei dividendi è da considerarsi a tutti gli effetti come se fosse avvenuto all'estero.
· Se la legge prevede che per i dividendi italiani l'accredito avvenga entro 3 giorni dalla data dello stacco, per quelli esteri non esiste nessuna regola del genere.
· I passaggi da fare sono molti: prima la società estera stacca i dividendi, quindi la corrispondente della banca italiana li deve incassare e, in seguito, trasmettere alla banca italiana che provvederà al loro accredito sul conto corrente.

BAYER (in euro) A MILANO RESTA TEDESCA

Per quanto Bayer sia quotata a Milano si tratta pur sempre di una società tedesca e quindi l'accredito dei dividendi non avviene necessariamente nei 3 giorni previsti per le azioni italiane.

condividi questo articolo