Analisi
Bulgari 17 anni fa - lunedì 17 luglio 2000

BULGARI

Bulgari, (14,50 euro – 28.076 lire), terzo gioielliere al mondo, attivo principalmente nella gioielleria, negli orologi e nei profumi, lo scorso 28 giugno ha annunciato un accordo con The Hour Glass, gruppo quotato a Singapore, per l'acquisizione di Gerald Gents s.a. e Daniel Roth s.a., società leader nella produzione di orologi svizzeri, e di Manifacture de Haute Horlogerie sa, che ne possiede gli impianti. Questa acquisizione dovrebbe consentire a Bulgari di arricchire la propria esperienza nel settore degli orologi unendo la propria esperienza manageriale all'elevata qualità tecnica presente nelle società acquisite; tuttavia sulla base degli elementi finanziari a nostra disposizione prevediamo che questa operazione avrà un impatto negativo sia sui risultati di quest'anno sia su quelli del prossimo. Gerald Gents s.a. e Daniel Roth s.a. sono infatti società in perdita e dubitiamo che Bulgari sia in grado di risollevarne le sorti in tempi brevi. Per quanto riguarda le prospettive di Bulgari per il lungo periodo, la società, oltre che sull'apertura di nuovi negozi, sta puntando anche su Internet. Nonostante i rischi di "volgarizzazione" del marchio le prospettive di quest'operazione sono buone. Per il momento però dovrebbero avere un impatto sugli utili contenuto.
Abbiamo rivisto al ribasso le nostre previsioni per il 2000 e il 2001 e contiamo su di un utile per azione pari a 0,25 e 0,32 euro rispettivamente. Bulgari conserva buone prospettive, ma il titolo è caro. Potete però mantenere.

BULGARI / BORSA

Nel corso dell'ultimo anno Bulgari (nero; base 100) è cresciuto più della Borsa. Il titolo è però caro. Mantenere.

condividi questo articolo