Analisi
Siemens 17 anni fa - lunedì 31 luglio 2000

SIEMENS

Eccellenti i risultati del 3° trimestre (l'esercizio terminerà il 30/9/2001) della holding tedesca Siemens (161,80 euro – 313.288 lire; SIEG.F). L'utile per azione (calcolato come se tutte le controllate fossero detenute al 100%) è cresciuto del 134% e il fatturato del 19% rispetto al 3° trimestre dell'esercizio precedente. Su 9 mesi la loro crescita è stata rispettivamente del 110% e del 15%. Una performance dovuta soprattutto alla controllata Infineon (a causa della forte domanda e dei prezzi dei semiconduttori in rialzo), ma anche alla ristrutturazione (vendita di attività e riduzione dei costi) e all'accento messo sulle tecnologie dell'informazione. Inoltre la divisione di telefonia mobile (N° 3 in Europa) ha fatto grossi progressi anche se Siemens non centrerà (per mancanza di componenti) il suo obiettivo di 30 milioni di cellulari venduti nell'esercizio in corso. Il gruppo deve però ancora rafforzarsi, soprattutto negli USA, ma fortunatamente dispone dei mezzi per farlo: ha ceduto diverse attività, introdurrà presto in Borsa la sua controllata americana Unispheres Solutions (attrezzature per telecomunicazioni) e continuerà a vendere quote di Infineon. Ma per affrontare la concorrenza sempre più agguerrita dovrebbe concentrarsi sulle tecnologie dell'informazione. Ma il management non lancia segnali in questo senso.
In seguito ai buoni frutti della ristrutturazione rialziamo le nostre previsioni sull'utile per azione da 3,9 a 4,1 euro per il '99/2000 e da 4,8 a 5 euro per il 2000/01. Ma, visto che secondo noi il management non mostra abbastanza audacia, non vi consigliamo più di acquistare questa azione, sebbene correttamente valutata, ma vi consigliamo di mantenerla.

SIEMENS (in euro)

Dal nostro consiglio di acquisto di due anni fa il titolo è quasi triplicato. Al livello attuale: mantenere.

condividi questo articolo