Analisi
Snia 17 anni fa - lunedì 24 luglio 2000

SNIA

Snia (1,15 euro; 2.227 lire) è un gruppo industriale attivo principalmente nei settori: chimico (30% del fatturato totale); fili tessili (31%); bioingegneria/salute (35%). Il gruppo, grazie alla recente fusione con Sorin e all'accordo con l'americana Cobe, ha potenziato il comparto salute, considerato strategicamente rilevante (in particolare la cardiochirurgia e la cardiologia). L'accordo con Sondel (secondo produttore privato italiano di energia, gruppo Falck) e la fusione con Caffaro, rientrano invece nel progetto di sviluppo di un polo nel Nord-Est per la produzione di energia idroelettrica e termoelettrica. I risultati del primo trimestre 2000 cominciano a beneficiare della buona strategia del gruppo. Il settore dei fili tessili (non rilevante strategicamente) ha visto un aumento delle vendite pari al 18% rispetto allo stesso periodo del 1999. Le vendite nel settore chimico sono scese del 10% per la chiusura di impianti di chimica di base, la cui redditività, grazie al taglio dei costi, è però aumentata. Il comparto bioingegneria/salute ha realizzato ricavi in aumento del 42% (grazie anche all'accordo con Cobe), dimostrandosi così l'area più interessante per il gruppo.
Il processo di ristrutturazione deve ancora concludersi, ma Snia sta attuando scrupolosamente il proprio piano industriale: abbiamo rialzato le nostre previsioni di utile per il 2000 e il 2001 rispettivamente a 0,036 e 0,046 euro (contro 0,017 euro del '99). Il titolo è ora conveniente: potete acquistare.

SNIA / BORSA

Il titolo (grassetto; base 100) va peggio della Borsa, ma ci aspettiamo che recuperi. Acquistare.

condividi questo articolo