Analisi
BES 17 anni fa - lunedì 4 settembre 2000

BES

Banco Espirito Santo (18,29 euro –35.414 lire; BESN.IN) ha presentato i suoi risultati semestrali che mostrano una crescita del 20% circa negli utili. La riduzione delle imposte pagate, risultato degli incentivi fiscali concessi al settore, ha certo contribuito a questa situazione, ma il contributo fondamentale viene dai guadagni ottenuti con la compravendita di titoli che sono cresciuti del 170% rispetto al medesimo periodo dell'anno scorso. La differenza tra interessi incassati e interessi pagati è invece allo stesso livello del 1999. La crescita degli utili consente di accantonare riserve che potranno essere utilizzate per superare periodi meno favorevoli offrendo così un certo margine di manovra nel momento in cui sarà necessario confermare i livelli di redditività acquisiti. L'aumento di capitale gratuito – 38 azioni per ogni 100 possedute – si è concluso con successo il 17 agosto.
Banco Espirito Santo è correttamente valutato, ma il potenziale di crescita sia interno sia esterno è elevato. Continuiamo a consigliarvene l'acquisto.

BES (in euro)

Banco Espirito Santo ha beneficiato della buona gestione finanziaria e degli incentivi fiscali. Acquistare.

condividi questo articolo