Analisi
Philip Morris / BAT 16 anni fa - lunedì 4 settembre 2000

PHILIP MORRIS/BAT

I produttori di sigarette Philip Morris (29,25 dollari – 62.987 lire; MO.N), e BAT (442 pence – 13.899 lire; BATS.L), fanno da tempo parte della nostra selezione. Da qualche anno queste due aziende, come molte altre del settore, devono affrontare numerose cause giudiziarie per la nocività dei loro prodotti e per i tentativi di nasconderla. Sino ad oggi però, nonostante l'accordo firmato con 46 stati americani nel 1998 con cui le compagnie si impegnavano a pagare 240 miliardi di dollari in 25 anni, i produttori di sigarette non hanno scucito un dollaro. Recentemente un tribunale della Florida li ha condannati a pagare un'ulteriore ammenda di 145 miliardi di dollari, sanzione contro cui hanno già fatto ricorso ed è molto probabile che il procedimento si concluda a loro favore, quanto meno l'importo di questa multa verrà sensibilmente ridotto. Per i produttori di sigarette la situazione è quindi ancora lontana dall'essere disperata: le vendite generano una forte liquidità e sino ad oggi hanno beneficiato della regolare crescita dei prezzi per pagare le spese giudiziarie. L’opinione pubblica è però sempre più ostile nei loro confronti e l’esempio americano potrebbe trovare molti seguaci. È quindi molto difficile prevedere la somma che le compagnie coinvolte in queste cause, attuali e future, potrebbero essere costrette a pagare. In ogni caso esiste il rischio che tutta questa pubblicità negativa pesi sul consumo di tabacco.
I rischi giudiziari ci avevano spinto a consigliarvi di "mantenere" i titoli del tabacco, sui quali inizialmente eravamo positivi. Ma il proliferare di cause giudiziarie di ogni tipo ci fa gettare la spugna: vi consigliamo di "vendere" i titoli approfittando della recente ripresa dei loro prezzi. L'ostilità dell'opinione pubblica potrebbe protrarsi indefinitamente e continuare a pesare su questi titoli. Vendere.

PHILIP MORRIS/ BAT

La recente ripresa dei prezzi di PM (grassetto) e BAT (scala a destra) è una buona opportunità per vendere.

condividi questo articolo