Analisi
Ubizen 16 anni fa - martedì 19 settembre 2000

UBIZEN

· Sicurezza delle reti
· Easdaq (UBIZ.ED)
· 37 euro

Il fatturato di Ubizen nel terzo trimestre 2000 (chiusosi il 30 giugno) è salito del 262% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre il risultato netto è stato positivo per la seconda volta, dal momento dell'introduzione in Borsa della società, nel febbraio 99. Buoni risultati che promettono bene per lo specialista belga nella sicurezza dell'E-commerce? Non proprio. Se li guardiamo più da vicino, le cose sono meno idilliache. Le vendite negli Stati Uniti sono scese, rispetto al trimestre precedente, sino a raggiungere un magro 1,86 milioni di euro, pari al 10% del fatturato, dopo che erano già scese nel secondo trimestre. Questa diminuzione delle vendite negli Stati Uniti ci inquieta e non sarà facile dissipare i nostri dubbi sulla capacità di Ubizen di avere successo, un giorno, negli Stati Uniti. Inoltre, rispetto al trimestre precedente, le vendite totali sono salite solo del 12%, inferiore alla media del settore. Mentre l'utile netto di 1,7 milioni di euro è dovuto soprattutto ai buoni risultati derivanti dagli utili finanziari ottenuti dall'investimento dei soldi raccolti con il secondo aumento di capitale. Senza questi guadagni « eccezionali », il risultato netto sarebbe stato negativo.
Per quanto riguarda la crescita internazionale, Ubizen ha recentemente rafforzato la sua posizione in Olanda e Gran Bretagna acquistando due fornitori locali di soluzioni per la sicurezza delle reti.

Ubizen fatica ad imporsi negli Stati Uniti, un mercato molto attraente e in piena crescita. Inoltre, ai prezzi attuali e se confrontata con i suoi concorrenti (Articon Integralis, Utimaco Safeware), l'azione risulta cara. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo