Analisi
Intershop Communications 16 anni fa - martedì 14 novembre 2000

INTERSHOP COMMUNICATIONS

· Piattaforme per e-commerce
· Francoforte (Euro.NM)
· 42,3 euro

Fondata nel 92 con il nome di NetConsult Computersystem, questa società tedesca inizialmente si occupava dell'integrazione del sistema di ricerca NeXTSTEP. Due anni dopo ha cambiato campo di attività lanciando un negozio on-line per la vendita di software e materiale per computer. Scoprendo che questa strategia commerciale (e-commerce) riduceva fortemente i costi operativi e aumentava la produttività. Cosciente dell'enorme potenziale dell'e-commerce, viene ribattezzata Intershop Communications e si consacra allo sviluppo di soluzioni che permettono alle aziende di vendere i loro servizi e i loro prodotti via Internet. Per essere più precisi diciamo che Intershop concepisce e sviluppa software che permettono la transazione tra venditore e acquirente, assicurando anche la consulenza e il successivo sviluppo. Attualmente le soluzioni di Intershop hanno già sedotto oltre 3.000 aziende di livello internazionale, la metà con sede in Europa ed il resto suddiviso tra Asia e Stati Uniti. I clienti di Intershop possono essere divisi, basandoci sul loro budget IT, in due categorie: da un lato i giganti come Intel, che si gestiscono da soli la presenza commerciale sul Web, dall'altro gli ISP, ASP e operatori di telecomunicazioni che sviluppano soluzioni di e-commerce per le piccole e medie imprese, che non sono in grado di gestire autonomamente la loro presenza sulla Rete.
Intershop distribuisce le sue soluzioni tramite due canali: uno diretto, tramite la sua forza vendita, l'altro tramite una rete di 600 partner, che comprende consulenti e fornitori di servizi IT in tutto il mondo. Questa rete è importantissima in quanto permette di guadagnare costantemente quote di mercato ai danni della concorrenza.
Grazie alla sua superiorità tecnologica e alla sua strategia distributiva, Intershop negli ultimni 5 anni anni è cresciuta più velocemente del mercato, mercato che resta comunque tra i più attraenti poiché la maggior parte delle società tradizionali (
± 75 %) non sono ancora presenti sulla Rete. Le prospettive sono dunque interessanti, ma l'e-commerce non è privo di rischi, sia tecnologici che finanziari.

Con un utile per azione di 0,53 euro, per il 2002, l’azione ci sembra troppo cara per i rischi da correre. NON ACQUISTATE.

ANDAMENTO DI INTERSHOP IN EURO

condividi questo articolo