Analisi
Aixtron 16 anni fa - martedì 12 dicembre 2000

AIXTRON

· Semiconduttori
· Francoforte (Euro.NM - AIXG.F)
· 123 euro

Come previsto, la società tedesca Aixtron, n°1 mondiale dei sistemi MOCVD (Metal Organic Chemical Vapor Deposition) per la fabbricazione dei semiconduttori composti, ha pubblicato risultati eccellenti per i primi nove mesi di quest'anno. Il fatturato è salito del 61% rispetto allo stesso periodo del 99, mentre l'utile netto è salito del 42%. Questa ottima progressione è stata sostenuta dalla crescita costante nel mercato finale dei semiconduttori composti, tra cui il mercato dei diodi elettroluminescenti (LED) é sicuramente il più promettente.
Nel terzo trimestre la società ha ulteriormente rinforzato la sua posizione in Giappone, con la firma di molti contratti. La domanda per i semiconduttori composti dovrebbe in ogni modo rimanere forte grazie ai numerosi vantaggi che offrono rispetto ai semiconduttori semplici (composti da un solo elemento chimico come il silicio o il germanio). Unico problema: la fabbricazione necessita di una tecnologia avanzata.
I fabbricanti di semiconduttori composti (clienti di Aixtron) sono sempre più convinti dai prodotti di Aixtron e il portafoglio ordini ha così raggiunto, alla fine del terzo trimestre il controvalore di 120 milioni di euro, toccando un nuovo record con una crescita del 160 % rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Questo eccellente andamento ha spinto, nuovamente, la dirigenza a rivedere al rialzo le previsioni per l'intero anno con un fatturato totale di 150 milioni di euro e utili netti per 16 milioni di euro, in linea con le nostre.

Aixtron merita una menzione speciale rispetto ai suoi concorrenti grazie alla sua leadership tecnologica e commerciale, mais il prezzo dell'azione - oltre 200 volte gli utili attesi per quest'anno - è ancora troppo elevato. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo