Analisi
Parthus Technologies 16 anni fa - martedì 6 febbraio 2001

PARTHUS TECHNOLOGIES

· Semiconduttori
· Londra (.L)
· 196 pence

Se c'è una società che non è stata colpita dal rallentamento dell'economia americana e dalla riduzione delle spese nel campo della tecnologia è proprio Parthus, specialista irlandese delle piattaforme tecnologiche per Internet mobile. La società ha recentemente annunciato eccellenti risultati relativamente all'esercizio 2000, con una crescita del 208 % dei redditi derivanti dalla concessione di licenze. Dall'altro lato anche le perdite sono salite, passando da 3 a 16 milioni di dollari.
Ad oggi la società ha concluso 49 accordi di licenza, rispetto ai 32 dello scorso anno. E non con gli ultimi arrivati ! Il know-how specifico di Parthus ha già sedotto aziende rinomate come a STMicroelectronics, Motorola, ARM Holdings o 3Com. La particolarità di questi accordi risiede nelle royalties. Parthus riceve così un importo preciso per ogni apparecchio venduto e che contiene la sua tecnologia. Queste royalties costituiscono l'elemento base del business model della società e, conseguentemente, del suo valore borsistico. Lo scorso anno il contributo di questi guadagni era ancora minimo (meno dell'1% del fatturato complessivo). E secondo noi il contributo alle vendite globali rimarrà marginale per i prossimi due esercizi. Le dichiarazioni poco incoraggianti dei due operatori di telefonia mobile (Vodafone e Telecom Italia Mobile) sull'avvento della prossima generazione dei telefoni portatili sembra confermare la nostra opinione. Inizialmente si prevedeva di lanciare una nuova tecnologia (GPRS) nel Natale 2000. Alcuni problemi tecnologici hanno ritardato il progetto e i due operatori non prevedono l'utilizzo massiccio di questa tecnologia prima del 2002.

Gli investitori valorizzano Parthus basandosi su guadagni potenzialmente molto elevati, ma ancora sconosciuti. Il ritardo nel lancio della terza generazione della telefonia mobile non fa altro che aumentare i dubbi. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo