Analisi
Snia 16 anni fa - lunedì 26 febbraio 2001

SNIA

Snia (2,18 euro – 4.221 lire) è attiva principalmente nel settore della bioingegneria/salute (cioé nella biomedica), oltre che in quello dei fili tessili, nella chimica e nella produzione di energia. Il gruppo ha presentato alcuni dati relativi all'esercizio 2000, come il fatturato complessivo che cresce del 10,7%. Secondo le nostre stime questo incremento è dovuto soprattutto al +25% fatto registrare dall'area biomedica e al +16% dell'area tessile; in regresso le vendite della chimica a causa della chiusura di alcuni impianti non profittevoli. L'azienda ha comunicato anche il risultato operativo, cioé il reddito prima degli oneri finanziari, delle componenti straordinarie e delle tasse, che è quasi triplicato rispetto all'anno precedente. Questo risultato è stato possibile grazie agli alti margini garantiti dall'area biomedica, nonché dalla consistente riduzione dei costi, che in proporzione aumentano (+7%) meno dei ricavi. Abbiamo quindi rivisto al rialzo le nostre stime sull'utile per azione a 0,07 euro per il 2000 e a 0,25 per il 2001; sebbene quest'ultimo dato incorpori una plusvalenza straordinaria, senza di essa l'utile salirebbe comunque a quota 0,14 euro. Il management dell'azienda punta ad ampliare ulteriormente il business biomedico, che peraltro rappresenta già il 41% del fatturato, per favorire sia i profitti sia una diversa percezione dell'azienda da parte del mercato, che la considera ancora una società chimica.
Il cambio di rotta verso il settore biomedico ha appena iniziato a dare i suoi frutti e le recenti ristrutturazioni hanno abbassato l'incidenza dei costi. Titolo molto conveniente: acquistare.

SNIA / BORSA

Grazie al cambio di rotta Snia (in nero; base 100) ora va meglio dell'indice Comit 30. Acquistare.

condividi questo articolo