Analisi
Autonomy 16 anni fa - mercoledì 18 aprile 2001

AUTONOMY

· Gestione delle conoscenze
· Nasdaq Europe
· 305 pence

Autonomy, società britannica specializzata nella realizzazione di motori di ricerca intelligenti, ha lanciato lo scorso 5 aprile un profit warning relativamente ai risultati del primo trimestre 2001. L'AD Mike Lynch ha annunciato che l'utile netto per azione sarà di 0,04 dollari, contro gli 0,05 attesi dalla comunità finanziaria.
Più che la delusione dell'utile per azione è stato il rallentamento del fatturato - che dovrebbe posizionarsi tra i 14 ed i 15 milioni di dollari, cioè il 40% in meno del previsto - a far cadere di oltre il 40% il prezzo del titolo. Questa revisione al ribasso è il risultato del propagarsi in Europa del rallentamento negli investimenti in tecnologia per l'informazione che sta affliggendo gli Stati Uniti dal secondo semestre 2000. Circa una ventina di clienti Autonomy hanno, infatti, ritardato la firma di contratti per un controvalore totale di 10 milioni dollari. Mike Lynch assicurava, ancora lo scorso febbraio, che la crisi economica avrebbe potuto andare a beneficio della sua società perché i suoi prodotti aiutavano i clienti a ridurre i costi, ipotesi che al momento ci sembra molto lontana dal trasformarsi in realtà …
La strategia di Autonomy si basa su due elementi chiave: da una parte una tecnologia unica e difficile da copiare, che le consente di avere una vantaggio sulla concorrenza e dall’altra l'utilizzo di una rete di distribuzione indiretta, costituita principalmente da accordi strategici e collaborazioni OEM. Circa l'80% del fatturato di Autonomy è realizzato tramite questi accordi, cosa che le permette anche di ridurre le spese di marketing e commercializzazione, che vengono così supportate dai suoi partner, permettendole di avere una forza lavoro ridotta (circa 200 persone). E per il futuro, Autonomy intende realizzare in questo modo la totalità dei suoi redditi.
Ma, c'è un ma. Se i suoi partner devono affrontare un rallentamento della crescita, questa pesa subito sui risultati di Autonomy.

In questo momento è difficile dire se le condizioni del mercato siano destinate a migliorare o peggiorare, soprattutto nel breve periodo. In attesa di saperne qualcosa di più, MANTENERE.

ANDAMENTO DI AUTONOMY IN PENCE

condividi questo articolo