Analisi
Baltimore 16 anni fa - martedì 3 aprile 2001

BALTIMORE TECHNOL.

· Sicurezza delle reti
· Londra (BHM.L)
· 85,25 pence

Società irlandese specializzata nella realizzazione di gestione ed emissione di certificati numerici che hanno lo scopo di rendere sicuro il commercio elettronico, Baltimore ha informato il pubblico che le vendite del primo trimestre di quest'anno saranno di soli 25 milioni di sterline, mentre il mercato ne aveva previsti 30. Dopo quest'annuncio il titolo ha perso circa il 40%. Per giustificarsi la società ha tirato in causa le difficili condizioni economiche negli Stati Uniti, dove molti clienti hanno ritardato, se non annullato gli ordini dei sistemi PKI (vedi E-R 68). La verità è che questi sistemi sono molto cari e che subiscono la concorrenza di una tecnologia di sicurezza più avanzata. Per il momento le società si accontentano di sistemi meno costosi, in attesa che il quadro economico migliori.
Ma al di là di questo avvertimento la società non ha voluto rilasciare dichiarazioni sulle conseguenze che questa brutta notizia avrà sulla sua redditività futura. Quando aveva presentato i risultati 2000, si era mostrata fiduciosa sulla capacità di raggiungere l'equilibrio economico in questo esercizio, ma ormai ci sembra chiaro che, senza scelte al risparmio, l'obbiettivo molto difficilmente potrà essere raggiunto e il gruppo dirigente non avrà altra soluzione che spostare la data in cui verrà raggiunto l'equilibrio finanziario.

Il rallentamento dell'economia statunitense rallenta senza dubbio l'attività di un venditore di software quale Baltimore. E i primi segni di un rallentamento europeo, continente in cui la società realizza la maggior parte del suo fatturato, potrebbero avere riflessi ben più pesanti. Con il risultato finale di vedersi allontanare, ogni giorno di più, la prospettiva di utile. NON ACQUISTARE.

ANDAMENTO DI BALTIMORE IN PENCE

condividi questo articolo