Analisi
Seat PG 16 anni fa - lunedì 30 aprile 2001

SEAT PAGINE GIALLE

Seat Pagine Gialle (1,23 euro – 2.382 lire) ha concluso un accordo per l’acquisizione della svedese Eniro, il maggior operatore di pagine gialle nell’Europa del nord presente anche nell’Europa orientale. L’acquisizione avverrà attraverso un’opas (offerta pubblica di acquisto e scambio) che sarà lanciata entro giugno: Seat Pagine Gialle si impegna a consegnare 12,25 delle sue azioni che emetterà appositamente, per ogni azione Eniro che le verrà consegnata. Gli azionisti Eniro avranno anche la possibilità di ricevere un pagamento in denaro al posto delle azioni Seat, ma solo per importi limitati (fino a 1000 azioni). Dal punto di vista industriale e strategico l’acquisizione risulta positiva per Seat Pagine Gialle: Eniro è infatti una società dinamica che, nella maggior parte dei casi, opera in mercati diversi da quelli di Seat e, quando opera negli stessi mercati, offre interessanti possibilità di sinergie. I fattori di dubbio sono però due: il primo è il prezzo pagato da Seat, che risulta piuttosto alto. Il pagamento avverrà però non in denaro – se non in modo marginale – ma con azioni Seat, che risultano ancora più care. Sull’utile per azione, dunque, l’operazione apporterà dei margini di beneficio. Il secondo dubbio – che ha pesato maggiormente sul mercato, penalizzando il titolo – riguarda invece gli effetti del gran numero di nuove azioni Seat in circolazione: se l’adesione all’opas sarà totalitaria, Seat emetterà circa 2 miliardi di nuove azioni (contro gli 11 attuali). È verosimile che gli azionisti Eniro accettino l’offerta di Seat, ma visto che l’azione è cara, la venderanno sul mercato: le forti vendite rendono ancora più rischioso investire in questo titolo.
L’acquisizione è vantaggiosa dal punto di vista economico, ma l’azione resta cara e il gran numero di nuove azioni potrebbe pesare a lungo sul titolo. Non acquistare.

SEAT PG (in euro)

Con l’opas il numero di azioni Seat aumenterà: negative le conseguenze sul prezzo. Non acquistare.

condividi questo articolo