Analisi
STMicroelectronics 16 anni fa - lunedì 23 aprile 2001

STMICROELECTRONICS

Conformi alle nostre attese i risultati del 1° trimestre del gruppo italo-francese STMicroelectronics (Stm; 43,08 euro – 83.414 lire; STM.PA), con un utile netto per azione di 0,38 euro (+41%), un fatturato in crescita del 13% e dei margini di guadagno saliti al 21,5% dal 17,2% del 1° trimestre 2000. Risultati che, pur peggiori rispetto al trimestre precedente, restano onorevoli e si spiegano con la minore esposizione di Stm rispetto ai suoi concorrenti sui mercati più colpiti dal recente rallentamento (microprocessori, memorie DRAM), con il fatto che realizza il 63% del suo fatturato in prodotti ad hoc per i clienti, e con la presenza limitata negli Usa (22% del fatturato). Secondo il gruppo la situazione rischia di deteriorarsi ancora nel 2° trimestre soprattutto nelle memorie flash (utilizzate nella telefonia mobile,…), finora uno dei motori della crescita di Stm. Riduciamo quindi le nostre stime sull'utile per azione da 1,51 a 1,21 euro per il 2001 e da 2,02 a 1,58 euro per il 2002.
La qualità del portafoglio di prodotti e di clienti permetterà a Stm di difendersi bene dal rallentamento attuale. L'azione è conveniente: acquistatela per il lungo termine.

STM / SEMICONDUTTORI

STM (nero; base 100) ha risentito della frenata del mercato dei semiconduttori, ma resta interessante a lungo termine.

condividi questo articolo