Analisi
Bookham Technology 16 anni fa - mercoledì 2 maggio 2001

BOOKHAM TECHNOLOGY

· Optoelettronica
· Londra (BHM.L)
· 341,50 pence

Alla luce dei recenti profit warnings pubblicati dai maggiori produttori di equipaggiamenti per telecomunicazioni (Nortel, Lucent, Cisco, ecc.) in seguito alla diminuzione delle spese da parte delle maggiori compagnie telefoniche, la possibilità che l'inglese Bookham ci sorprendesse positivamente con i risultati del primo trimestre 2001 era molto debole. E, purtroppo, avevamo ragione.
Nonostante il fatturato del primo trimestre (11,6 milioni di sterline) sia in linea con le previsioni fatte al momento della presentazione dei risultati 2000, lo specialista dei componenti in fibra ottica ha messo, ancora una volta, in guardia gli investitori. Le vendite del secondo trimestre dovrebbero far registrare una caduta vertiginosa, che ha spinto la società a rivedere un ribasso delle vendite tra il 25 ed il 40 %, mentre recentemente si era parlato di crescita nulla.
Inoltre, la visibilità nel settore delle fibre ottiche rimane molto limitata. Ad esempio, Nortel e Lucent - entrambi clienti di Bookham - hanno rifiutato di comunicare le loro previsioni sul resto dell'anno e la cosa ha rannuvolato anche il futuro sul secondo trimestre di Bookham. Una cosa è certa, Bookham rimane fortemente dipendente dagli ordini della canadese Nortel. E se quest'ultima dovesse sospendere gli ordini il fatturato di Bookham potrebbe crollare, da un trimestre all'altro … Il magazzino di Nortel è ancora pieno e la società dovrebbe diminuirlo, prima di effettuare nuovi ordini. E, considerato che le condizioni nel settore delle fibre ottiche sono difficili, questa correzione potrebbe durare ancora qualche trimestre… il che non fa prevedere nulla di buono per Bookham.

Anche se Bookham dispone di una buona liquidità (188 pence per azione, ad essere precisi) sarebbe sbagliato basare ogni decisione d'investimento futuro solo su questo criterio. Poiché, viste la natura capitalistica della sua attività e la necessità di finanziare le pesanti perdite operative, la liquidità verrebbe bruciata in brevissimo tempo. L'equilibrio finanziario ci sembra più lontano che mai. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo