Analisi
e.Biscom 16 anni fa - martedì 29 maggio 2001

e.Biscom

· Telecomunicazioni
· Milano (Euro.NM)
· 88,5 euro

e.Biscom, operatore italiano specializzato nelle reti in fibra ottica, ha pubblicato i risultati del primo trimestre 2001. Il fatturato è stato pari a 27,2 milioni di euro, contro i 33 del quarto trimestre 2000, ovvero un calo del 17,6%. Il risultato operativo lordo è sceso a – 0,55 euro per azione contro i
– 0,39 euro del quarto trimestre 2000.
Benché leggermente inferiori alle aspettative dei mercati questi risultati non sembra che abbiano inquietato più di tanto la dirigenza della società, che conferma le sue previsioni di un fatturato complessivo 2001 di 170 milioni di euro (+ 300%). È vero che e.Biscom ha proseguito la sua strategia di sviluppo, soprattutto per quanto riguarda l'offerta di servizi tramite le fibre ottiche, e che costituisce la componente essenziale del suo fatturato, tramite le sue due filiali: FastWeb in Italia e HanseNet ad Amburgo (Germania). FastWeb dispone oggi di una rete di cavi lunga 1.400 km, contro i 600 del marzo 2000 e conta 8.400 abbonati, contro i 5.300 al 31 dicembre 2000 (+ 60 %). Anche HanseNet fa registrare una bella progressione, poiché conta già su 15.900 clienti, cioè una crescita del 35% rispetto al 31 dicembre 2000. e.Biscom ha anche sviluppato la sua offerta di contenuti, moltiplicando i suoi accordi con la RAI, Universal, Banca Popolare di Milano, Associated Press e, più recentemente con, MP Web per lo sport e Discovery Networks Europe per i documentari sulla storia, la natura e la scienza.

Malgrado la certa crescita di e.Biscom nella sua strategia di sviluppo e l'ottimismo del gruppo dirigente, gli obiettivi 2001 ci sembrano difficili da raggiungere. Inoltre la società non prevede utili prima del 2006... NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo