Analisi
Picogiga 16 anni fa - mercoledì 2 maggio 2001

PICOGIGA

· Semiconduttori
· Parigi (Euro.NM - PGIG.LN)
· 14,44 euro

Le perplessità che avevamo sollevato nei confronti del fabbricante francese di semiconduttori in arsenico di Gallio (E-R 77) si sono finalmente concretizzate. La società ha fatto conoscenza con la dura realtà economica che vuole che siano poche le società in grado di sfuggire all'attuale rallentamento economico, soprattutto quando realizzano il 60% delle loro vendite negli Stati Uniti, come è accaduto a Picogiga l’anno scorso. Al momento della comunicazione dei risultati 2000 la società si è mostrata ancora ottimista, prevedendo, per l'anno in corso, una crescita del fatturato di almeno il 50%, questa previsione ci sembra un po' troppo ottimista.
Picogiga ha appena pubblicato i dati relativi alle vendite nel primo trimestre. Verdetto: 3,3 milioni di euro, cioè il 23% in meno rispetto allo stesso periodo del 2000, ma soprattutto una diminuzione del 60% delle vendite negli Stati Uniti. E il secondo trimestre dovrebbe essere delle stesso tenore...

La prudenza rimane quindi d'obbligo. Inoltre i costi finanziari legati alla recente emissione obbligazionaria convertibile peseranno sui risultati futuri del gruppo e l'attuale situazione finanziaria è lontano dall'essere brillante. Senza contare che l'emissione delle nuove azioni, in seguito alla conversione delle obbligazioni, diluirà gli utili futuri. NON ACQUISTARE.

ANDAMENTO DI PICOGIGA IN EURO

condividi questo articolo