Analisi
Italgas 16 anni fa - lunedì 18 giugno 2001

ITALGAS

Italgas (10,48 euro – 20.292 lire) è la società controllata dall'Eni che opera nel campo dell’erogazione dei servizi di pubblica utilità, prevalentemente nei settori gas (97% del fatturato 2000) ed acqua (3%). Nel primo trimestre di quest'anno il protrarsi dell'inverno mite ha provocato una diminuzione dell'1,2% dei volumi di gas venduti rispetto allo stesso periodo del 2000. La mitezza del clima avrebbe provocato una contrazione ben maggiore se la società non avesse intrapreso il programma di acquisizioni internazionali, che l'ha portata ad avere il 7,7% di clienti e il 15% di fatturato in più rispetto al primo trimestre del 2000. Anche la riduzione delle tariffe di vendita del gas (che vengono stabilite dallo Stato) avrebbe potuto pesare sui conti di Italgas, ma il taglio dei costi e la riduzione degli ammortamenti (consentita da una legge del novembre 2000) ha fatto sì che l'utile industriale (0,8 euro per azione) rimanesse invariato rispetto ai primi tre mesi del 2000. Come avevamo previsto, la nota poco lieta viene dagli oneri finanziari (le spese per pagare gli interessi), che si impennano (da 0,13 a 0,17 euro per azione su base annua) proprio a seguito della campagna di acquisizioni condotta lo scorso anno. Non a caso la società evita accuratamente di farne menzione nella trimestrale.
Confermiamo le stime di un utile per azione pari 0,84 euro nel 2001 (in calo da 0,86 nel 2000 "grazie" ai maggiori interessi) e a 0,90 nel 2002. L'azione è cara, ma visto l'interesse crescente del mercato per il settore energia è da mantenere.

ITALGAS (in euro)

Italgas è tornata ai livelli di inizio anno. Ma pur essendo cara è un'azione da mantenere.

condividi questo articolo