Analisi
OPS Granitifiandre 16 anni fa - martedì 5 giugno 2001

OPS GRANITIFIANDRE

Dal 6 all'8 giugno si svolge l' OPS (Offerta Pubblica di Sottoscrizione) di azioni Granitifiandre Spa, per la quotazione della società alla Borsa di Milano. Sarà la prima società del segmento Star della Borsa, ultimo nato di Piazza Affari, in cui verranno quotate società di piccola e media capitalizzazione.

Rivestimenti di marmo per tutti i clienti

· Nata nel 1980 come Castellarano Fiandre Ceramiche, dal 1987 Granitifiandre è controllata da Iris Ceramiche attraverso le società Finanziaria Ceramica Castellarano Spa, che detiene il 42% del capitale, e Finanziaria Ceramiche Le Fiandre Spa, che detiene il restante 58% del capitale.
· Granitifiandre, con un fatturato consolidato per il 2000 di quasi 268 miliardi di lire che ha generato un utile per azione di 0,79 euro, opera nel settore dei prodotti per l'edilizia e produce lastre di grès porcellanato, un materiale che riproduce le fattezze di materiali quali marmo e granito, ma che si differenzia rispetto a questi per la maggiore durezza e il minor costo. La società conta già importanti clienti come la francese Carrefour (supermercati), l'italiana Benetton (attiva nel settore tessile, ma con una importante strategia di apertura di nuovi negozi), la tedesca Mercedes Benz o l'americana Mc Dondald's.
· Grazie ai proventi del collocamento in Borsa Granitifiandre intende aprire due stabilimenti, uno negli Usa e un altro in Germania, in modo da poter operare direttamente su tali mercati abbattendo in entrambi i casi il costo dei trasporti – il 10% circa dei costi – e, nel caso Usa in particolare, anche i dazi doganali – circa il 15% dei costi.

L'offerta

· La società intende collocare 18.950.000 nuove azioni – che saliranno a 21.792.500 nel caso dell'esercizio integrale della greenshoe – ad un prezzo compreso tra i 9,7 e i 12,3 euro. Al termine dell'offerta, il mercato deterrà, quindi, il 45,5% della società – il 49% in caso di esercizio integrale della greenshoe.
· Il lotto minimo sarà pari a 200 azioni – per un controvalore compreso tra 3.756.000 lire e 4.763.000 lire –, mentre la data di pagamento delle azioni e quella prevista per l'inizio delle negoziazioni saranno il 13 giugno 2001.

Consiglio

Pur trattandosi di una società dalle prospettive interessanti, dalle nostre valutazioni il prezzo dell’offerta anche nella fascia bassa della forchetta risulta caro e vi sconsigliamo di aderire. Non ci sembra neppure che vi sia lo spazio per una speculazione.

OPS ALGOL

· Fumata nera anche per Algol, società attiva nel campo delle nuove tecnologie, che intende quotarsi al Nuovo Mercato a partire dal 15 giugno e che collocherà le sue azioni ad un prezzo compreso tra gli 11 e i 15 euro nei giorni che vanno dal 4 all'8 giugno.
· Il titolo non ci sembra attraente e, anche nella fascia bassa della forchetta, risulta caro. Il buon padre di famiglia non aderisca, e anche lo speculatore, vista la fredda accoglienza da parte del Nuovo Mercato nei confronti delle ultime offerte pubbliche, eviti la scommessa – per maggiori informazioni vedi il report sul nostro sito all'indirizzo internet www.altroconsumo.it/finanza.

condividi questo articolo