Analisi
Parthus 16 anni fa - martedì 26 giugno 2001

PARTHUS TECHNOLOGIES

· Semiconduttori
· Londra (PRH.L)
· 61,50 pence

Specializzata nella progettazione di microprocessori destinati all'Internet mobile, l'irlandese Parthus ha acquistato il suo concorrente statunitense Chicory Systems. Questa società ha sviluppato una tecnologia che permetterà di accelerare al visualizzazione dei contenuti multimediali sulla prossima generazione di apparecchi mobili. Test hanno dimostrato che questa tecnologia riduce i tempi di teletrasmissione di un portafoglio di 40 titoli su un telefono di "terza generazione" da 18 a 1,6 secondi, riducendo anche del 95% il consumo della batteria.
Secondo la dirigenza di Parthus, questa acquisizione completa alla perfezione la sua offerta di piattaforme tecnologiche. Segnaliamo però che le attività di Chicory sono state appena lanciate e che al giorno d'oggi la società non ha ancora venduto nulla. Senza contare che ci stiamo anche domandando se Parthus non si sia mostrata un po' troppo generosa pagando la "sciocchezza" di 40 milioni di dollari una società i cui primi guadagni non arriveranno prima dell'anno prossimo.
Oltre a questa acquisizione, Parthus ha anche concluso un accordo pluriennale di licenza con il numero 1 europeo, e 6 del mondo, dei semiconduttori, STMicroelectronics. Secondo questo accordo, STM avrà accesso a tutte le piattaforme tecnologiche di Parthus. Benché potenzialmente molto promettente, tenendo conto del peso non trascurabile di STM nel settore dei semiconduttori, questo accordo ci fa sorgere qualche dubbio. In realtà non è niente di più che un'«estensione» del precedente accordo di collaborazione con STM, accentuando la dipendenza da chi ha rappresentato, nel 2000, il maggior cliente di Parthus, contribuendo a circa il 40% del fatturato della società. Se per una ragione o per l'altro questo accordo dovesse sciogliersi sarà un duro colpo per Parthus.

Secondo noi Parthus dovrebbe allargare la sua clientela. Il fatturato è ancora troppo dipendente dagli ordini di STM, tra l'altro presente anche nel suo capitale. L’azione è troppo cara rispetto al rischio. NON ACQUISTATE.

condividi questo articolo