Analisi
Caltagirone : lascia o raddoppia ? 16 anni fa - lunedì 23 luglio 2001

CALTAGIRONE: LASCIA O RADDOPPIA?

Ho in carico "Caltagirone Editore" a 18 euro. Un vero disastro! Che devo fare? Vendere e buonanotte o resistere e magari fare media?

Il gruppo Caltagirone

Caltagirone Editore (5 euro circa) è stata costituita nel dicembre '99 per raggruppare le principali società appartenenti al gruppo Caltagirone, operanti nei settori dell'editoria dei quotidiani (Il Messaggero di Roma e Il Mattino di Napoli), della raccolta pubblicitaria (Piemme SpA) e di Internet (con il portale Caltanet). Il Messaggero, storicamente il giornale più diffuso a Roma e nel Lazio, è il quarto quotidiano di informazione generale in Italia con 1.350.000 lettori in media al giorno. Il Mattino, grazie allo storico legame con Napoli e con il resto della Campania, risulta il quotidiano più letto in tale area. A livello nazionale, il giornale napoletano si attesta all'ottavo posto, con 828.000 lettori in media al giorno. Inoltre il quotidiano "Leggo", partito il 5 marzo, si sta rivelando un successo in termini di diffusione, sia a Roma (con oltre 200 mila copie diffuse) sia a Milano, anche se i margini non sono ancora positivi. L'altra attività strategicamente rilevante del gruppo Caltagirone è costituita dalla raccolta pubblicitaria, incentrata su Piemme spa che opera in qualità di concessionaria esclusiva de Il Messaggero e de Il Mattino. Infine, Internet con il portale di gruppo Caltanet. Anche in questo caso i margini non sono positivi.

Tradizione e internet

La strategia del gruppo è orientata al potenziamento dell'attività editoriale tradizionale e allo sviluppo dell'attività Internet. Caltagirone Editore intende sfruttare la posizione di leadership nell'area Centro-Sud e aumentare la propria penetrazione, sia in aree prossime a tale macroregione sia altrove, tramite una politica di crescita interna (miglioramento dell'efficienza e delle sinergie pubblicitarie) ed esterna (acquisizione di partecipazioni in società editoriali ed attività collegate). In merito al miglioramento dell’efficienza, Caltagirone editore ha recentemente raggiunto un accordo sindacale per la fuoriuscita di circa 160 persone nei prossimi 24 mesi. Ciò porterà un costo del personale minore del 6% circa, ma anche oneri per complessivi 6,2 milioni di euro suddivisi in tre anni.

I risultati

I risultati del primo trimestre 2001 sono positivi. Il risultato di gruppo si è attestato a quota 12,037 (0,09 euro per azione) contro i 10,856 milioni di euro (0,08 euro per azione) dello stesso periodo dell'anno precedente. In aumento anche il valore della produzione: 54,961 milioni di euro (54,557 milioni nel trimestre dell'anno scorso). Per il 2001 ci aspettiamo un utile netto pari a 0,35 euro per azione che salirà a 0,39 nel 2002.

Consiglio

Agli attuali livelli di prezzo, il titolo può rappresentare un'alternativa più economica rispetto ad altri titoli del settore editoriale e, inoltre, adotta un'interessante politica quanto ai dividendi. Il gruppo può beneficiare di un’ottima posizione competitiva nell’area centro-sud e anche la strategia sembra andare nella giusta direzione. Azzeccata la mossa di "Leggo" (quotidiano gratuito) che arriverà, secondo le stime del management, a 600.000 copie distribuite al giorno. Sicuramente questo non è il momento migliore per acquistare titoli appartenenti al settore editoriale/media, ragion per cui ne sconsigliamo l'acquisto. Viste le prospettive però chi, come il nostro lettore, avesse questo titolo, lo può mantenere: il tempo darà il suo posto a questo titolo. Nel breve periodo sono probabilmente da mettere in conto, ulteriori ribassi di prezzo dovuti principalmente al "sentiment" negativo di settore e in generale dei mercati. Ragion per cui la strategia di "mediare il prezzo" – vale a dire di acquistare altre azioni, abbassando così il prezzo medio di acquisto nella speranza di cominciare a guadagnare anche in caso di un modesto rialzo delle quotazioni – tecnica da noi generalmente sconsigliata, ci appare ancor più inopportuna.

MANENDO CALTAGIRONE (in euro)…

…vi tenete in tasca un titolo che probabilmente recupererà il terreno perduto, ma visto che il settore editoriale non vive un momento particolarmente brillante vi sconsigliamo di acquistare il titolo se ancora non lo avete.

condividi questo articolo