Analisi
Edison 16 anni fa - lunedì 23 luglio 2001

EDISON

Edison (11,57 euro – 22.403 lire), il secondo operatore italiano nei settori elettrico (69% del fatturato 2000), e del gas (29,5%), opera anche nelle telecomunicazioni e nel settore idrico (in totale 1,5%). In vista della fine della gara per Elettrogen (la prima delle tre società di produzione di elettricità che Enel deve vendere per legge), prevista per il primo agosto, abbiamo stimato gli effetti che si avrebbero sul bilancio di Edison nel caso quest'ultima se la aggiudicasse. Pubblichiamo ora questa valutazione per due motivi. Il primo riguarda la minore aleatorietà dell'esito della gara ora che i partecipanti sono rimasi in due (l'altro è il colosso elettrico spagnolo Endesa), mentre il secondo concerne la maggiore potenza finanziaria e gestionale di cui dispone Edison grazie, controversie legali a parte, ai nuovi padroni Fiat e Edf. Il nuovo gruppo avrà risparmi sul costo del carburante necessario alle centrali, possibilità di rifornire più clienti, e l'immediata disponibilità operativa di impianti che altrimenti richiederebbero anni per essere realizzati e, in generale, una migliore organizzazione aziendale. Inoltre va notato che, qualsiasi esito abbia l'Opa, il flottante di Edison si ridurrà di molto, con una conseguente minore disponibilità di azioni sul mercato di cui le quotazioni beneficeranno.
Se Edison si aggiudicherà Elettrogen le prospettive di Edison migliorano, altrimenti il gruppo resterà comunque il perno della strategia energetica di Fiat e Edf. Nonostante l'azione sia cara, modifichiamo il nostro consiglio riguardo l'Opa dicendovi di non aderire e mantenere l'azione.

EDISON / ENEL

Dall'inizio della vendita di Elettrogen Edison (nero, base 100) ha fatto meglio di Enel (linea sottile).

condividi questo articolo