Analisi
Bayer 17 anni fa - lunedì 13 agosto 2001

Bayer
Il gruppo chimico e farmaceutico tedesco (36,25 euro) ha improvvisamente annunciato il ritiro del suo farmaco anti colesterolo Baycol a causa degli effetti collaterali messi in luce da molti studi e dei molti decessi dovuto alla combinazione con un altro medicinale simile. Questo ulteriore colpo alla sua divisione farmaceutica va a colpire duramente l'intero gruppo. Infatti le vendite del Baycol erano state valutate circa un miliardo di euro, pari a circa il 15% delle vendite totali del gruppo. Considerato che la farmacia avrebbe dovuto essere il motore principale della crescita del gruppo, visto il difficile stato della chimica. Questo ci ha spinto a rivedere al ribasso le nostre previsioni per gli anni 2001 e 2002, con gli utili per azione che passano rispettivmente da 2,20 a 1,50 euro e da 2,70 a 1,95 euro. Inoltre l'utile operativo del secondo trimestre è sceso del 45% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, addirittura inferiore a quanto il «profit warning» di fine giugno poteva lasciar presagire. Considerato che le speranze di rivedere il Baycol sul mercato sono minime e che le nuove molecole sono ancora molto lontano dall'essere pronte, Bayer non ha altra scelta che rivedere la strategia futura della divisione farmacia, decisioni che sono attese entro le prossime settimane. Nell'immediato la dirigenza ha annunciato un vasto piano di ristrutturazione tendente a migliorare la redditività del gruppo (risparmi per 1,5 miliardi di euro da qui al 2005, grazie a licenziamenti e chiusure di siti produttivi).
Nonstante la ricerca di nuovi risparmi, il fermarsi delle vendite del Baycol ha provocato grossi problemi a Bayer. La farmacia, presentata come punta di diamante della crescita del gruppo, si è dimostrata inferiore alle attese. Nel futuro presteremo molta attenzione alle decisioni prese da Bayer sulle sue attività in campo farmaceutico. Il piano che prevede il riconcentrarsi sulle attività di base (chimica, agrochimica), passo già compiuto da molti dei suoi concorrenti diretti, avrebbe il nostro favore, ma la dirigenza non pare di questo avviso. Quale sarà il piano alternativo di Bayer? Sarà sufficiente a soddisfare gli azionisti di maggioranza? Dopo la forte discesa del prezzo, e tenendo conto delle prospettive del gruppo, il titolo rimane correttamente valutato. Ma modifichiamo il consiglio da acquistare a mantenere.

condividi questo articolo