Analisi
Italgas 16 anni fa - lunedì 10 settembre 2001

ITALGAS

Italgas (11,29 euro – 21.860 lire) è la controllata dell’Eni attiva nella distribuzione del gas (97% del fatturato nel 2000) e dell’acqua.

I risultati del primo semestre forniti dalla società evidenziano un netto miglioramento dell’utile industriale rispetto allo stesso periodo del 2000 (+15,8%), ma il reale andamento della società è diverso. I dati del primo semestre 2000, infatti, contengono ammortamenti per 0,31 euro per azione, mentre quelli dei primi sei mesi di quest’anno, comprensivi peraltro delle acquisizioni effettuate, vedono gli ammortamenti in calo del 62,2% a quota 0,12 euro per azione. Questa differenza è dovuta al provvedimento legislativo dello scorso novembre che ha permesso a Italgas di allungare il periodo di ammortamento delle infrastrutture, riducendo in questo modo la quota annuale da destinare, appunto, agli ammortamenti. Di conseguenza sarà possibile fare raffronti attendibili tra i dati ufficiali di bilancio 2000 e 2001 solo alla fine dell’anno. Così, se nei primi sei mesi di quest’anno fosse stata in vigore l’aliquota di ammortamento valida lo scorso anno, l’utile industriale sarebbe sceso del 6,5%. Questo a causa dello scorso inverno, più mite del solito, e della riduzione tariffaria decisa per legge.

Confermiamo le stime di un utile per azione da 0,87 euro del 2000 a 0,85 euro per il 2001 e a 0,91 per il 2002. Il titolo è caro, ma presenta dei risvolti speculativi legati a una possibile vendita della società da parte della controllante Eni: mantenere.

ITALGAS / BORSA

Da gennaio a oggi meglio Italgas (nero, base 100) del Comit 30 (linea sottile): mantenere.

condividi questo articolo