Analisi
Orchestream 15 anni fa - martedì 23 ottobre 2001

ORCHESTREAM

· Software per reti

· Londra

· 25 pence

Nelle ultime settimane, i comunicati del fornitore britannico di software per reti straboccavano di ottimismo e non esitavano ad annunciare che avrebbe approfittato anche dell'attuale rallentamento del settore delle telecomunicazioni (vedi E-R 91), oggi ci informano che il fatturato del terzo trimestre sarà nettamente inferiore alle previsioni. Dopo la mancata firma di molti contratti negli Stati Uniti, la dirigenza si basa su fatturato di soli 3,2 milioni di sterline, cioè il 40% in meno di quanto inizialmente previsto. Ricordiamo che il fatturato del secondo trimestre è stato di 4,7 milioni di sterline. Secondo noi la società soffre ancora della feroce concorrenza, soprattutto quella sul mercato americano. I fornitori del mercato delle telecomunicazioni, Oracle e Nortel su tutti, stanno proponendo ai loro clienti un «pacchetto» che comprende sia componenti hardware che software, mentre Orchestream fornisce solo la parte software.

Per mettere un freno alla crescita galoppante dei costi, ha recentemente annunciato un piano di ristrutturazioni. Tra le misure citiamo un arresto delle attività negli Strati Uniti ed in Canada, con le conseguenti riduzioni di personale. Orchestream prevede di uscire dal rosso nell'ultimo trimestre del 2002. Per raggiungere questo scopo il fatturato dovrà essere il triplo di quello attuale, cosa che nell'attuale clima economico, ci sembra rasentare l'utopia …

La società dispone della liquidità per rimanere operativa fino alla fine del 2002, ma solo a condizione di raggiungere i suoi obbiettivi ottimisti, condizione che ci pare difficile da realizzare. Il rischio è troppo elevato. NON ACQUISTARE.

ANDAMENTO DI ORCHESTREAM IN PENCE

 

condividi questo articolo