Analisi
Qiagen 15 anni fa - martedì 20 novembre 2001

QIAGEN

· Biotecnologie
· Nasdaq (QGENF.O)
· 19,52 dollari

Come già annunciato gli avvenimenti dell'11 settembre hanno pesato sui risultati del terzo trimestre di Qiagen, leader mondiale dei prodotti destinati all'estrazione e alla purificazione degli acidi nucleici. Nonostante una crescita del 16% del suo fatturato, che ha raggiunto i 63,3 milioni dollari, Qiagen registra un risultato operativo in calo del 15%, a 10,1 milioni dollari, rispetto al 3e trimestre 2000. Malgrado questo piccolo intoppo, la dirigenza rimane fiduciosa sulle sue previsioni e prevede per il 4e trimestre un fatturato compreso tra i 72 ed i 74 milioni di dollari.

I problemi logistici legati ai fatti dell'11 settembre hanno avuto un impatto solamente momentaneo sulle vendite, che hanno fatto registrare una crescita compresa tra il 25 ed il 30% dall'inizio del mese di ottobre. Sembra quindi che i nostri timori sulla capacità di Qiagen di raggiungere i suoi obbiettivi (E-R n° 92) non siano più fondati. Infatti, gli ordini non stipulati in seguito ai problemi americani verranno spostati al quarto trimestre e permetteranno alla società di raggiungere i suoi obbiettivi, anche se un fatturato di 74 milioni di dollari ci sembra molto ottimista, vista l'incertezza che regna negli Stati Uniti dopo l'11 settembre. E, con il 60% del fatturato realizzato oltre Oceano, Qiagen patirebbe, senza ogni dubbio, le conseguenze di un'altra chiusura di quel mercato. Qiagen si dimostra comunque un'azienda di qualità che, salvo avvenimenti eccezionali, dovrebbe far segnare, nei prossimi anni, tassi di crescita importanti. I due accordi di collaborazione firmati con Pall e Polysciences vanno letti in questa direzione e anche se i frutti non sono attesi prima del secondo trimestre 2002 al più presto, non c'è dubbio che Qiagen si stia dotando dei mezzi necessari per mantenere elevati livelli crescita.

Anche se Qiagen sembra al riparo dai rischi di un rallentamento economico e dovrebbe continuare a far segnare una crescita annua compresa tra il 25 ed il 30% all'anno, secondo noi il suo prezzo attuale è troppo elevato. MANTENERE.

condividi questo articolo