Analisi
Alcatel A 15 anni fa - lunedì 4 febbraio 2002

ALCATEL A

Nel 2001 la francese Alcatel (17,68 euro – 34.233 lire; CGEP.PA) ha subìto una perdita totale di 4,33 euro per azione, che però, tolti gli elementi straordinari, si dimezza a 2,29 euro per azione. Nonostante le difficoltà del settore delle attrezzature per telecomunicazione, Alcatel è riuscita a contenere il calo del fatturato al 6% contro, ad esempio, il 37% della canadese Nortel, grazie alla maggiore diversificazione geografica e alla leadership in alcune tecnologie meno colpite dalla crisi. Inoltre il gruppo, che è riuscito a dimezzare l'indebitamento, dovrebbe difendersi meglio dei concorrenti da un eventuale aggravarsi della crisi del settore, fatto non escluso dal management che prevede un calo degli investimenti degli operatori telecom.
Per Alcatel, che dovrebbe continuare a cavarsela meglio dei concorrenti, prevediamo una perdita per azione di 0,51 euro nel 2002 e un utile di 0,26 euro nel 2003. La ripresa del settore dovrebbe tuttavia essere lenta e la redditività del gruppo non è scontata. Il titolo inoltre è caro. Mantenere, ma non acquistare.

condividi questo articolo