Analisi
Luxottica 15 anni fa - lunedì 11 febbraio 2002

LUXOTTICA

Luxottica (16,70 dollari; 37.063 lire; LUX.N) ha concluso il 2001 con un utile netto di 316,4 milioni di euro (il 23,9% in più del 2000), cioè 283,4 milioni di dollari (a un tasso di cambio medio euro/dollaro di 0,8957). L’utile per azione è pari a 0,63 dollari contro gli 0,52 del 2000. Il gruppo ha realizzato ricavi per oltre 3 miliardi di euro, in aumento del 26,8% rispetto al 2000. Il fatturato dell’attività di produzione e distribuzione all’ingrosso è cresciuto del 6,5%, mentre quello dell’attività al dettaglio ha messo a segno una crescita del 41,8%. I buoni risultati della divisione al dettaglio sono stati raggiunti grazie all’integrazione – da marzo 2001 – della catena di 1.900 negozi di occhiali da sole Sunglass Hut. Un mercato, quello del sole, considerato da Luxottica strategico per gli elevati tassi di crescita e verso cui sta, per questo motivo, puntando molto. Luxottica si è dunque difesa bene in un anno difficile; anche il duro colpo subìto dopo l’11 settembre è stato rapidamente riassorbito.

Riteniamo che, grazie alla posizione di leadership che può vantare e alle strategie adottate, il gruppo riuscirà a crescere nel prossimo biennio a ritmo discreto. Stimiamo un utile di 0,74 e 0,85 dollari per azione rispettivamente nel 2002 e nel 2003. Agli attuali livelli di prezzo, l’azione è comunque cara. Mantenere.

LUXOTTICA (in Usd)

 
Dopo i buoni risultati del 2001, discrete le prospettive del gruppo. L’azione è però cara. Mantenetela.

 

condividi questo articolo