Analisi
Parthus Technology 15 anni fa - martedì 12 febbraio 2002

PARTHUS TECHNOLOGIES

· Semiconduttori
· Londra (PRH.L)
· 33,50 pence

Mentre il settore dei semiconduttori sta soffrendo di una caduta senza precedenti della domanda, i risultati del 4e trimestre (esercizio chiusosi il 31 dicembre 2001) dello sviluppatore irlandese di chip per la telefonia mobile e per i computer palmari sono rimasti stabili rispetto a quelli del 3e trimestre. E questo vale sia per il fatturato (10,5 milioni di dollari) che per la perdita corrente (- 8,6 milioni di dollari). L'impresa deve quest'andamento alla specificità del suo modello di business: sta sviluppando la tecnologia per la prossima generazione di telefoni mobili e computer palmari. Questa tecnologia viene poi ceduta in licenza a fabbricanti di chip quali STMicroelectronics e Motorola. Spesso questi gudagni-licenze sono seguiti da royalties o - se preferite - da guadagni che Parthus riceve ogni volta che un prodotto viene creato sfruttando la tecnologia inventata dalla società irlandese. Benché i prodotti sul mercato, che sfruttano un componente specifico di Parthus, sono ormai 10, i guadagni collegati rimangono minimi (1% del fatturato totale) e tradiscono anche una diminuzione del 14% rispetto 3e trimestre. E sono questi guadagni che mettono in luce il potenziale futuro della società. La dirigenza prevede di raggiungere la redditività durante il secondo semestre. Un obiettivo certamente ottimista, ma non impossibile da raggiungere. La società tiene sotto controllo i costi e si attende molto, in termini di redditività, dal crescente interesse nei confronti della piattaforma GPS (tecnologia di posizionamento). E Parthus è uno dei rari attori di questo segmento di mercato. Sono già stati effettuati vari test e, prossimamente, dovrebbe essere annunciato un accordo con un importante fabbricante di telefoni mobili …

Le piattaforme tecnologiche di Parthus possono contare su un interesse in crescita. Nonostante le incerte prospettive, per quest'anno, del settore dei semiconduttori l'azienda dispone di sufficienti liquidità (15 pence per azione) per sopravvivere all'attuale discesa. Ai prezzi attuali gli investitori coscienti del rischio, possono ACQUISTARE.

condividi questo articolo