Analisi
Orchestream 15 anni fa - martedì 12 marzo 2002

ORCHESTREAM

· Software di rete

· Londra (OCH.L)

· 8,75 pence

Sono ormai parecchie settimane che il prezzo dell'inglese Orchestream vegeta ai minimi storici, ben lontano dal picco (715 pence) raggiunti nel settembre 2000. Cosa succede a questo specialista dei software di reti per operatori di telefonia? Il fatturato del 4e trimestre ha raggiunto l'invidiabile cifra di 4,7 milioni di euro, con una crescita di ben il 49% rispetto al 3e trimestre ! Questa crescita deve comunque essere smussata. Una parte è il frutto di accordi firmati nel 3trimestre. Inoltre la società continua ad accumulare pesanti perdite operative (6,7 milioni di euro) e numerosi osservatori si domandano se sarà in grado di sopravvivere all'attuale rallentamento del settore telecomunicazioni, senza l'apporto di nuovi mezzi finanziari. Le prospettive non sono certo entusiasmanti. Le spese per telecomunicazioni rimangono limitate e una ripresa, nel breve periodo, non è prevista. Inoltre, Orchestream opera su un mercato molto concorrenziale, generalmente identificato dalle iniziali OSS per Operating Support Systems. Si tratta di sistemi che aiutano le compagnie telefoniche nella gestione delle loro reti e nell'assistenza ai loro clienti. Questo mercato presenta numerose nicchie, come i CRM (customer relationship management), la fatturazione, la gestione delle reti (attività di Orchestream), la gestione dei clienti, … Tuttavia l'integrazione tra i vari sistemi rappresenta un compito delicato, a causa della mancanza di un'interfaccia standard. Gli operatori, a questo punto, preferiscono rivolgersi alle grandi società di software (come Amdocs o Convergys) che propongono moduli facilmente integrabili o ancora ad aziende i cui prodotti costituiscono la norma, de facto.

La visibilità di Orchestream rimane limitata. La società ha una storia operativa relativamente corta (un anno e mezzo) ed è attiva su un mercato molto concorrenziale, minato dalle difficoltà del settore telecomunicazioni. NON ACQUISTATE.

 

condividi questo articolo