Analisi
Rolo Banca 15 anni fa - lunedì 4 marzo 2002

ROLO BANCA

Rolo Banca (17,90 euro) ha annunciato i risultati 2001 della capogruppo, che appaiono positivi. L’utile netto (1,26 euro per azione) è in aumento del 23% rispetto al 2000. La differenza tra interessi pagati e riscossi (che conta per oltre la metà del totale dei ricavi) è in aumento del 6%, mentre il totale dei ricavi cresce solo dell’1,1% a causa del calo delle commissioni incassate. Anche sul lato dei costi la società conferma i buoni risultati: il rapporto tra le spese amministrative e i ricavi si attesta intorno al 40%, uno dei valori più bassi tra le banche europee. A livello di volumi, i prestiti alla clientela crescono dell’8%, mentre la raccolta dalla clientela aumenta del 9%. Tenendo conto anche della raccolta indiretta (risparmio amministrato e gestito), la quale è rimasta sostanzialmente stabile, la massa complessivamente amministrata registra un aumento del 3,5%. Visti i buoni risultati, all’assemblea degli azionisti verrà proposto un sostanzioso dividendo: 1,03 euro per azione. In vista della fusione con Unicredito, un acconto di 1 euro verrà distribuito già dal prossimo 21 marzo (data di stacco della cedola 18 marzo), mentre il saldo verrà pagato il 23 maggio (data di stacco della cedola 20 maggio).
I risultati della capogruppo ci portano a rivedere al ribasso le stime sull’utile 2001 dell’intero gruppo (1,15 euro per azione), mentre manteniamo invariate quelle per il 2002 (1,18 euro per azione). Chi ha in portafoglio questo titolo (che è conveniente) lo mantenga, ma in vista della fusione con Unicredito non ne consigliamo l’acquisto.

ROLO BANCA / BANCHE

Dopo il difficile settembre 2001, Rolo Banca (nero; base 100) ha recuperato meglio del settore. Mantenere.

condividi questo articolo