Analisi
Adva 15 anni fa - martedì 9 aprile 2002

ADVA OPTICAL NETW.

· Componenti per telecomunicazioni
·
Francoforte NM (ADAG.F)
·
3,71 euro

Nonostante lo sgonfiarsi della bolla che ha colpito il settore delle fibre ottiche lo scorso anno, Adva Optical Networking, fabbricante tedesco di componenti ottici per l'industria delle telecomunicazioni ha visto il suo fatturato crescere del 51%, a 90 milioni di euro, rispetto all'esercizio 2000.Questa crescita è frutto, in primo luogo, dell'aumento della domanda di comunicazioni a banda larga, nelle reti pubbliche e private, soprattutto nelle vicinanze delle grandi città. Grazie alla notevole velocità di trasmissione la fibra ottica ne rappresenta il veicolo per eccellenza. Questa crescita è dovuta anche all'accordo OEM firmato con Siemens, accordo che ha permesso alla società di raggiungere la posizione di n° 1 in Europa, dove il suo fatturato è cresciuto del 182%, a 62 milioni di euro. La società, purtroppo non è riuscita a raggiungere la stessa posizione in Nord America dove ha perso circa un terzo del fatturato, fermandosi a 25,5 milioni di euro. A parziale discolpa segnaliamo che su questo mercato, Adva deve confrontarsi con rivali del calibro di Cisco, Nortel e Lucent. Inoltre, le economie di scala offrono a questi attori una miglior resistenza alla guerra dei prezzi che sta colpendo il settore e che ha causata ad Adva, una perdita per azione di 3,57 euro nel 2001 contro una perdita di 2,95 nel 2000. E Adva dovrebbe chiudere in rosso anche quest'esercizio. La crescita del fatturato si è ridotta in questi mesi e la società deve investire importanti somme nella ricerca e sviluppo di nuovi prodotti per conservare le sue quote di mercato.

L’indebolimento della posizione di Adva nel Nord America, ci incita alla prudenza. Senza contare che la situazione finanziaria della società non è molto felice. In un mercato in cui la tecnologia diventa obsoleta con rapidità, gli utili per Adva sembrano ancora lontani. NON ACQUISTATE.

condividi questo articolo