Analisi
Innogenetics 15 anni fa - martedì 4 giugno 2002

INNOGENETICS

· Biotecnologie

· Nasdaq Europe (INNX.ED)

· 14,90 euro

I risultati del 1er trimestre 2002 di Innogenetics sembrano aver soddisfatto il mercato. Lo specialista belga dei prodotti diagnostici ha registrato un fatturato record di 12 milioni di euro, cioè il 18% meglio del 4e trimestre 2001! Ma l’accordo commerciale firmato lo scorso marzo 2001 con Bayer non è completamente estraneo. Dopo aver pesato sul fatturato del gruppo, a causa della cessione a Bayer di una percentuale del prezzo di vendita, gli sbocchi distributivi offerti dal colosso tedesco sembrano ormai aver compensato questa perdita di guadagno, permettendo anche ad Innogenetics di ridurre le spese, che si è trasformata in una riduzione del 45%, rispetto al 4trimestre 2001, della perdita operativa fermatasi a 2,7 milioni di euro. La dirigenza vuole rassicuraci e per l'esercizio in corso prevede una perdita operativa inferiore agli 11,6 milioni di euro dell'esercizio 2001, esercizio gonfiato dai redditi derivanti dagli accordi con Roche e Bayer. Da qui alla fine dell'anno, Innogenetics dovrebbe beneficiare dei redditi straordinari derivanti dai nuovi accordi di licenza o di distribuzione, attualmente in fase di negoziazione per poter così raggiungere gli obiettivi. Ma cerchiamo di non volare troppo in alto, l'elemento critico rimane l'HCV E1, il «candidato vaccino» di Innogenetics destinato al trattamento dell'epatite C, ma potrebbe non vedere mai la luce (E-R 99). La società si è mostrata poco loquace al riguardo, limitandosi a dichiarare che le attività terapeutiche proseguono in maniera molto soddisfacente. Dopo i risultati preliminari della fase IIa, molto deludenti, sarà solo con i risultati della fase IIb che potremo sapere se il vaccino è realmente in gradi di curare l’epatite C. Ma questi risultati non saranno noti prima del 2e semestre 2003, sempre che la fase IIb abbia luogo …

Innogenetics dovrebbe fare il punto del suo portafoglio terapeutico il prossimo 6 giugno. NON ACQUISTATE.

ANDAMENTO DI INNOGENETICS IN EURO

 

condividi questo articolo