Analisi
Marzotto 15 anni fa - lunedì 3 giugno 2002

MARZOTTO

Marzotto (9 euro) ha annunciato i risultati del primo trimestre 2002. Il fatturato è in lieve calo (-2,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente) a causa del settore tessile che archivia il trimestre con una contrazione del 26,1%; il settore abbigliamento cresce invece del 2,3%. Questa situazione influisce anche sugli utili, in calo da 0,39 euro per azione nel primo trimestre 2001 a 0,31 euro al 31 marzo 2002. Le sfide per la società si concentrano non sul settore tessile, ma sul comparto moda dove sta studiando la riduzione dell'indebitamento di Valentino e dove la situazione di Hugo Boss è buona, ma meno del previsto. Il fatturato di Hugo Boss è infatti cresciuto del 5% nel primo trimestre, trainato da Francia (+19%), Gran Bretagna (+21%) e Spagna (+33%), ma frenato da Germania (-2% in un contesto però molto difficile) e Usa (-19%, in parte per il cambiamento dei processi di consegna). Negli scorsi giorni Hugo Boss ha anche diffuso un comunicato per annunciare di aver ridotto le proprie aspettative sull’utile 2002 (-11% rispetto al 2001), annuncio che ha penalizzato il prezzo di Marzotto in Borsa.

I dati di Hugo Boss (che rappresenta una fetta importante degli utili di Marzotto) ci spingono ad abbassare le stime sull’utile per azione a 0,65 euro per il 2002 e 0,72 euro per il 2003. Il titolo rimane tuttavia correttamente valutato. Acquistare.

MARZOTTO / HUGO BOSS

Hugo Boss (sottile, a destra) riduce l’utile atteso, ma Marzotto (nero, a sinistra) resta corretta. Acquistare.

 

condividi questo articolo