Analisi
Ras 15 anni fa - lunedì 10 giugno 2002

RAS

L’assemblea di Ras (12,68 euro) ha negli scorsi giorni approvato la riorganizzazione delle partecipazioni svizzere, ora fuse con quelle di Allianz in un’unica società (Allianz Suisse, controllata al 69,8% da Ras e al 30,2% da Allianz). La nuova società, con una quota di mercato del 10% in Svizzera, rappresenta una voce importante nel bilancio Ras: nel 2001 le attività svizzere hanno rappresentato il 12,2% della raccolta complessiva (12% nel ramo vita e 12,5% nel ramo danni). Le sinergie derivanti dalla riorganizzazione dovrebbero quindi avere effetti positivi sui conti del gruppo, che comunque ha già registrato una buona crescita nel primo trimestre di quest’anno. I premi riscossi nel ramo vita sono aumentati dell’11,1% rispetto allo stesso periodo 2001; più contenuta la crescita nel ramo danni (+7%). I premi complessivi salgono così dell’8,9%, mentre l’utile del periodo (0,12 euro per azione) cresce del 21,1% grazie anche alla tassazione insolitamente bassa (24,4%, contro il 36% dell’intero 2001). Si è conclusa, intanto, la vendita del patrimonio edilizio del gruppo alla società Aida srl, con l’incasso da parte di Ras di un importo pari a 1,7 milioni di euro.

I dati trimestrali positivi ci portano a confermare le stime sull’utile 2002 (0,68 euro per azione, cui vanno aggiunti i proventi straordinari). Titolo correttamente valutato: ai prezzi attuali, potete tornare ad acquistarlo.

RAS / ASSICURATIVI

 

Positivi i risultati trimestrali di Ras (nero; base 100); visto anche il recente calo nel prezzo, potete acquistare.

 

condividi questo articolo