Analisi
Autonomy 15 anni fa - martedì 30 luglio 2002

AUTONOMY

· Gestione delle conoscenze

· Londra

· 133 pence

Dopo Qiagen, è toccato ad Autonomy vedere scendere il suo prezzo di oltre il 40% in una sola seduta! Bisogno dire che lo specialista britannico dei motori di ricerca intelligenti ha emesso un nuovo avvertimento sui risultati, questa volta riguarda quelli del 2e trimestre 2002.Causa principale, la persistente debolezza della domanda, in Europa. Molti contratti sono stati spostati alla fine del 2e trimestre, cosa che ha messo in crisi la crescita del gruppo britannico, ma anche la sua attendibilità, quando si pensava, ancora lo scorso gennaio, che il peggio era ormai alle spalle! Con un fatturato in calo dell'11% rispetto al 1er trimestre, siamo obbligati a constatare che qualcuno si è sbagliato! L'errore è stato quello di pensare che, in tempi di debole crescita economica, le società avrebbero investito in software per la razionalizzazione dei costi. In realtà, in periodi così agitati, la priorità rimane quelle di ridurre gli investimenti e i budget destinati alle tecnologie dell'informazione (IT) non sfuggono a questa regola! Nel breve periodo non vediamo un catalizzatore tale da far risalire il titolo. Il periodo estivo è tradizionalmente calmo e questo nuovo profit warning potrebbe essere l'annuncio di un ulteriore deterioramento della domanda in Europa. Questo basta a giustificare una discesa del 40% del prezzo del titolo? Non del tutto. Le prospettive di lungo periodo non sono certo messe in dubbio. La globalizzazione dell'economia, i movimenti di concentrazione tra imprese o gli sviluppi di nuovi supporti di comunicazione sono altrettanti fattori che potrebbero spingere le aziende ad automatizzare i loro processi di gestione delle informazioni allo scopo di contenere i costi per rimanere competitive. Le prospettive per i software di Autonomy rimangono quindi intatte.

Se il nuovo profit warning ci ha spinto a rivedere al ribasso le previsioni di utile e dovrebbe aumentare la volatilità del titolo durante i prossimi mesi, la crescita nel lungo periodo non è certo compromessa. ACQUISTATE per il lungo periodo.

AUTONOMY IN PENCE

condividi questo articolo