Analisi
Bookham Tech. 15 anni fa - martedì 16 luglio 2002

BOOKHAM TECHNOLOGY

· Optoelettroniqca

· Londra (BHM.L)

· 80 pence

Bookham Technology, fabbricante inglese di componenti ottici, ha annunciato la chiusura di 2 dei suoi 4 impianti produttivi, con la conseguenza della soppressione di 70 posti di lavoro, pari al 9% della forza lavoro. Bookham spera così di ridurre la sua capacità produttiva, superiore al fabbisogno, e i suoi costi. Queste scelte saranno sufficienti a far tornare gli utili? I dubbi rimangono. Bookham opera, infatti, in un settore dove il bisogno di capitale è elevato e le sue attività necessitano di pesanti investimenti in termini di fabbricati e di equipaggiamenti. In altre parole, le spese fisse sono molto pesanti, siano che ci siano vendite sia che non ci siano. Il problema è che, al momento, il fatturato di Bookham è troppo debole per poterle coprire. Gli utilizzatori finali dei prodotto di Bookham, le compagnie telefoniche, stanno affrontando un eccesso di investimenti e quindi non sono attualmente interessati all'offerta tecnologica della società. Inoltre la base clienti di Bookham è molto concentrata. Le 8 principali società che producono sistemi ottici (Alcatel, Nortel, Lucent, Fujitsu, …), e che vendono soluzioni integrate agli operatori telefonici, rappresentano il 90% del mercato. Al contrario sono oltre 1.000 i concorrenti che vogliono avere un contratto con queste 8 società e Bookham non è certo tra le più grandi …

La redditività può essere raggiunta solo in due modi: aumentando il fatturato o riducendo i costi. Per Bookham, la velocità richiesta da questi processi rischia di non essere così elevata da poterle garantire un ritorno alla redditività in tempi accettabili. NON ACQUISTATE.

ANDAMENTO DI BOOKHAM IN PENCE

condividi questo articolo