Analisi
IBt 15 anni fa - martedì 16 luglio 2002

IBt

· Biotecnologie

· Bruxelles NM (IBTH.BR)

· 7,48 euro

Se la debolezza della rete di distribuzione (vedi E-R 91) di IBt ci ha fatto sempre dubitare sulla crescita della società, dobbiamo ammettere che la società vi sta ponendo rimedio. Dopo gli Stati Uniti, che garantiscono l'80% delle vendite, l’Europa, l’Africa e il Medio Oriente, il produttore belga di impianti di brachiterapia è andato all'attacco dell'Asia. Ha infatti concluso un accordo di distribuzione con la giapponese DRL (Daiichi Radioisotope Laboratories) che commercializzerà gli impianti IBt in Giappone, Corea, Cina e Taiwan. Oltre alla commissione di 1,8 milioni di euro versata dai giapponesi in cambio dei diritti di distribuzione, questo accordo rafforzerà la presenza internazionale di IBt e offrirà di conseguenza nuovi sbocchi ai suoi prodotti. L’impatto a breve termine di quest'accordo deve comunque essere relativizzato. Infatti, se la brachiterapia è già disponibile come forma di trattamento contro il cancro alla prostata in Asia, rimane comunque confinata ad un piccolo numero di centri distribuiti nel continente. Ad esempio, la tecnica non è ancora utilizzata in Giappone, dove IBt non pensa di realizzare vendite prima del 2004. La brachiterapia potrebbe sedurre l'Asia, nello stesso modo in cui attualmente sta seducendo gli occidentali. IBt beneficerà inoltre del ruolo di "primo entrante" poiché sarà l'unico, assieme ad Amersham, ad essere presente sul continente asiatico.

Tutto sembra sorridere ad IBt, esclusi i mercati. La crescita prevista e l'accesso allo statuto di società beneficiaria (previsto per il 4e trimestre) potrebbero cambiare le cose. ACQUISTATE.

ANDAMENTO DI IBt IN EURO

condividi questo articolo