Analisi
Innogenetics 15 anni fa - martedì 30 luglio 2002

INNOGENETICS

· Biotecnologie

· Nasdaq Europe

· 11,40 euro

L’accordo firmato nel 1999 e in base al quale Innogenetics aveva concesso al gigante farmaceutico Abbott i diritti esclusivi alla commercializzazione dei test LiPA HLA, utilizzati nell'ambito dei trapianti di organi o di midollo osseo è stato rinegoziato dallo specialista belga dei prodotti di diagnostica che potrà vendere questi prodotti tramite il suo canale di vendita. Noi non possiamo che valutare positivamente questa iniziativa, considerato che le vendite generate tramite Abbott sono state poco soddisfacenti. Passando attraverso la sua rete di vendita, Innogenetics non dovrà più cedere ad Abbott una percentuale del prezzo di vendita di questi test. Le buone notizie non arrivano mai sole, Innogenetics ha anche ricevuto un "milestone" (una ricompensa) di 2 milioni di euro da Bayer dopo la pubblicazione di uno studio che dimostrava l'utilità clinica di uno dei suoi test diagnostici, il LiPA HIV-1, per il quale il gigante farmaceutico tedesco possiede una licenza di commercializzazione esclusiva, con il marchio VERSANT®. Secondo questo studio, il LiPA HIV-1, test di resistenza ai medicinali utilizzati nel trattamento dell'AIDS, è efficace tanto quanto i metodi tradizionali, ma è molto più rapido, più semplice da utilizzare e meno costoso. L’avvenire di questo test si presenta quindi sotto i migliori auspici. Purtroppo, se le attività diagnostiche sembrano evolversi favorevolmente e dovrebbe essere redditizie già quest'anno, lo sviluppo del portafoglio prodotti terapeutici sta passando un periodo più contrastato, soprattutto per quello che concerne l'HCV E1, il candidato vaccino contro l'epatite C. I risultati della fase IIa dei test clinici non hanno convinto a pieno la comunità scientifica e la commercializzazione del prodotto nel 2006 appare sempre più improbabile.

Innogenetics dovrebbe pubblicare i nuovi risultati sull'evoluzione dei test clinici dell'HCV E1 alla fine dell'anno. NON ACQUISTATE.

INNOGENETICS IN EURO

condividi questo articolo