Analisi
Santander 15 anni fa - lunedì 8 luglio 2002

SANTANDER

Nel primo trimestre 2002 Santander (8,62 euro; SCH.MC), la principale banca spagnola (ex-BSCH), ha realizzato un utile per azione di 0,14 euro, stabile rispetto al primo trimestre 2001. Nonostante il buon andamento dell'attività in Spagna, il mancato contributo della controllata argentina ha infatti impedito la crescita degli utili. Inoltre il timore che la crisi argentina si estenda al Brasile ha fatto crollare il real e risalire i tassi d'interesse brasiliani, una situazione che certamente peserà sui conti di Santander (15% circa degli utili in Brasile). Per reagire al cattivo andamento in Sud America la banca, da un lato, ridurrà ancora di più i costi (ha chiuso il 10% degli sportelli posseduti un anno fa e intende realizzare ancora importanti riduzioni di personale) e, dall'altro, venderà alcune delle partecipazioni in modo da aumentare la sua solvibilità.

Vista la delicata situazione in America latina riduciamo le nostre stime sull'utile per azione della banca da 0,59 a 0,57 euro per il 2002 e da 0,68 a 0,63 euro per il 2003. Anche se l'azione è diventata conveniente, visto il rischio elevato non ve ne consigliamo l'acquisto. Mantenere.

SANTANDER (in euro)

 

La banca soffre della crisi in Sud America. Anche se conveniente l'azione non è da acquistare. Potete mantenerla.

 

condividi questo articolo