Analisi
L'azione scomparsa 15 anni fa - lunedì 2 settembre 2002

L’AZIONE SCOMPARSA

Possiedo azioni Olitec, quotata al Nouveau Marché. In alcune settimane il volume degli scambi in Borsa del titolo è pari a zero e non trovo notizie al riguardo: cosa succede?

· La modestia dei volumi scambiati al Nouveau Marché (il Nuovo Mercato francese) trova la sua prima giustificazione nel piccolo numero di azioni di cui è composto il capitale della Olitec: appena 550.000, 336.700 delle quali sono in mano all’azionista di maggioranza. Il flottante – vedi riquadro - dunque si riduce a 213.300 azioni.

· Viste le condizioni in cui versa il titolo, passato dai 230 euro del 1997 ai 3,7 euro attuali, si capisce anche perché esso non susciti un grande interesse presso gli investitori. Prova della mancanza di attrattività è il fatto che non risultano esserci investitori istituzionali nella compagine azionaria.

· Chi di voi ha già fatto i conti si è accorto che ai prezzi attuali l’intera Olitec vale meno di due milioni di euro, la qual cosa nei prossimi mesi dovrebbe portare le sue azioni, a meno di miracoli, fuori dal listino del Nuovo Mercato francese. Abbiamo parlato di miracoli poiché tra le perdite del 2001 (1,4 euro per azione) e quelle previste dall’azienda per quest’anno (5,8 euro per azione) sarà difficile che la Olitec veda la fine del 2003.

· Questo caso però è diverso da quelli che i nostri lettori sono abituati a vedere. Infatti la causa del tracollo non va ricercata in acquisizioni strapagate, in debiti stratosferici o in spese folli in relazione alle entrate della società, bensì nel maggiore operatore telefonico francese: France Télécom.

· Il gigante delle telecomunicazioni infatti non ha omologato i modem Adsl della Olitec, che quindi non possono essere usati per navigare in internet attraverso, appunto, la rete Adsl di FT. I test per verificare la compatibilità dei modem dei produttori, tutti esterni a FT, con la linea Adsl (quella che permette connessioni a internet più veloci) di proprietà del maggiore operatore telefonico francese (che è l’unica linea Adsl esistente in Francia) venivano condotti con la più completa discrezionalità. Non esistevano procedure standard, non erano noti i requisiti minimi che i modem dovevano avere e, ciliegina sulla torta, la mancata approvazione da parte di FT non permetteva agli utenti di utilizzare i modem esclusi per connettersi alla rete, rendendo in pratica gli stessi modem delle scatole di plastica senza valore e, quindi, senza mercato.

· Per questo motivo Olitec ha fatto causa a FT, ma il Tribunale, pur in presenza di una delibera dell’Autorità per le telecomunicazioni francese che ha obbligato FT a rendere noti i criteri con cui conduce i test sui modem Adsl, le ha dato torto.

· Per questa mancanza di futuro (ripetiamo, a meno di miracoli) il consiglio non può essere che quello di vendere le azioni Olitec.

IL FLOTTANTE

L’insieme delle azioni che non sono stabilmente detenute dai soci (es. azionista di maggioranza, patto di sindacato ecc.) costituisce il flottante. Si tratta delle azioni che "flottano" da un investitore all’altro attraverso gli scambi in Borsa. Più il flottante è alto più è bassa la possibilità che una singola operazione, anche di piccolo importo, possa provocare brusche variazioni nei prezzi come nel caso della Olitec: in quasi un’intera seduta di Borsa c’è stato un solo ordine (di vendita: 300 azioni, per un controvalore di nemmeno 500 euro), che però è bastato a far crollare il prezzo del titolo da 5,11 a 1,6 euro. A fine seduta un altro ordine ha riportato l’azione a 2,71 euro…

 

condividi questo articolo