Analisi
Bnl 15 anni fa - lunedì 14 ottobre 2002

BNL

SETTORE: finanziario
BORSA: Milano
PREZZO: 0,87 EURO
RISCHIO: *

I dati semestrali di Bnl sono penalizzati dal perdurare della crisi argentina: +l’utile netto è di soli 0,01 euro per azione (0,13 euro nel 1° semestre 2001) a causa degli accantonamenti fatti per questo Paese (0,26 euro per azione, che si aggiungono agli accantonamenti ordinari pari a 0,13 euro per azione). Positivo, comunque, l’aver chiuso il capitolo Argentina, azzerando il rischio in questo Paese e dimezzando l’esposizione generale verso i Paesi a rischio. Anche la gestione ordinaria presenta qualche dato positivo: i ricavi da interesse crescono del 6,6%, il calo dei ricavi totali è contenuto al 3,9%. Gli accantonamenti, tuttavia, portano +l’utile corrente a scendere del 25,3%.

Anche se il gruppo ha eliminato il rischio Argentina, l’esposizione verso i Paesi a rischio rimane elevata. Bnl sta proseguendo nello sforzo di risanamento, così come previsto dal piano industriale varato a luglio; gli accantonamenti, tuttavia, superano le nostre attese. Riduciamo quindi a 0,13 euro l’utile per azione previsto per il 2002. Infine, c’è da considerare l’allontanarsi dell’ipotesi di fusione con Mps, che rappresenterebbe un’interessante opportunità per il gruppo. Le incertezze su questo capitolo penalizzano il titolo, che ai prezzi attuali è conveniente. Tuttavia, l’esposizione elevata al rischio e la possibilità che la fusione con Mps possa sfumare ci portano a consigliarvi di non acquistare più. Mantenere.

BNL / BANCHE

I dubbi sulla fusione con Mps penalizzando il titolo (nero; base 100), sceso al di sotto dell’indice di settore. Mantenere.

 

condividi questo articolo