Analisi
Aixtron 15 anni fa - martedì 19 novembre 2002

AIXTRON

SETTORE: semiconduttori
BORSA: Francoforte NM
PREZZO: 5,85 euro
RISCHIO: ****

La tedesca Aixtron, numero uno mondiale degli impianti destinati alla costruzione dei semiconduttori composti, ha annunciato risultati a due tinte per il terzo trimestre dell'anno in corso. Da un lato, a causa della persistente debolezza del mercato delle telecomunicazioni (reti in fibra ottica) e dell'optoelettronica (CD, DVD), il fatturato è sceso pesantemente, del 43% rispetto allo stesso periodo del 2001, fermandosi a 35,3 milioni di euro. Dall'altro lato, malgrado questa diminuzione delle vendite, la società ha saputo mantenere il suo livello di redditività, grazie alla flessibilità della sua struttura dei costi, considerato che l'80% della sua produzione era subappaltata.

A livello di prospettive, la debolezza del portafoglio ordini lascia presagire una nuova diminuzione del fatturato dei prossimi trimestri. Prevediamo quindi un utile per azione di 0,24 e 0,25 euro, rispettivamente per il 2002 e 2003. In ogni caso rimaniamo convinti che Aixtron sia sufficientemente strutturata per sorpassare senza troppi problemi l'attuale rallentamento. La situazione finanziaria non ha nulla di invidiare a quella di altre aziende e a livello di concorrenza la società rimane il numero uno assoluto grazie al vantaggio tecnologico dei suoi prodotti. Una serie di vantaggi che dovrebbero garantire la crescita nel lungo periodo, anche grazie ad una forte domanda per i semiconduttori composti nel settore dei LED (tecnologia dell'illuminazione) settore risparmiato dall'attuale crisi economica.

La riduzione del fatturato prevista nel 2002 e nel 2003 non è una vera e propria sorpresa. Potrebbero esserlo se la ripresa annunciata per il 2004 sarà meno forte del previsto. Di conseguenza abbassiamo leggermente le nostre previsioni sul target price, che passa da 14 a 12 EUR. La società dispone in ogni modo di numerosi assi nella manica, per il lungo periodo. ACQUISTATE.

ANDAMENTO DI AIXTRON IN EURO

condividi questo articolo