Analisi
Banca Fideuram 15 anni fa - lunedì 25 novembre 2002

BANCA FIDEURAM

SETTORE: finanziario
BORSA: Milano
PREZZO: 5,41 EURO
RISCHIO: ***

Banca Fideuram ha presentato i risultati del 3° trimestre: l’utile trimestrale (0,04 euro per azione) è in calo del 23% rispetto al 3° trimestre 2001. Nei primi nove mesi l’utile è di 0,15 euro per azione, in calo del 16%. Questo risultato dipende dalla debolezza dei ricavi da interesse, ma soprattutto dalle commissioni (-11%) che rappresentano la parte preponderante dei ricavi. Anche la raccolta risente dell’incertezza, che spinge gli investitori verso prodotti più "sicuri": nei primi 9 mesi la raccolta netta si è concentrata sul +risparmio non gestito e sul comparto assicurativo, mentre la parte rimanente del +risparmio gestito registra una raccolta netta negativa. Nel complesso la raccolta ha segno positivo, ma la diminuzione del valore degli investimenti fa scendere le masse amministrate rispetto a fine 2001 (-6%). La raccolta di ottobre ha invece segno negativo, ma la ripresa delle Borse ha aumentato le masse amministrate rispetto a fine settembre (+1,1%); il calo da inizio anno si riduce quindi al 4,7%.

Riduciamo leggermente le nostre stime sull’utile 2002 e 2003 (rispettivamente 0,2 e 0,25 euro per azione). L’incertezza delle Borse peserà ancora sui risultati, ma il titolo è correttamente valutato; visto il buon andamento del comparto assicurativo, che argina la crisi in altri settori, mantenere.

BANCA FIDEURAM / BANCHE

 

 

I mercati in difficoltà penalizzano il gruppo (nero; base 100) ma l’attività assicurativa regge bene. Mantenere.

 

condividi questo articolo