Analisi
Autogrill 15 anni fa - lunedì 9 dicembre 2002

AUTOGRILL

SETTORE: alimentari e bevande
BORSA: Milano
PREZZO: 8.63 EURO
RISCHIO: **

Autogrill opera nel settore della ristorazione per chi viaggia, con punti vendita lungo le autostrade (48% del fatturato) e negli aeroporti (42%). Gli altri punti vendita sono situati in centri commerciali, stazioni ferroviarie e fiere (10%). Oltre la metà del fatturato (53,5%) viene realizzata negli Usa dalla controllata HsmHost. La società ha comunicato i risultati dei primi 9 mesi 2002, che registrano un aumento dei ricavi dell’1,2% rispetto allo stesso periodo 2001. Senza considerare il calo del dollaro, moneta in cui è prodotta oltre la metà del fatturato, l’aumento sarebbe del 2,8%. Tuttavia, dato che buona parte dei debiti di Autogrill è in dollari e a tasso variabile, le basse quotazioni della moneta Usa, unite al basso livello dei tassi di interesse e all’allungamento delle scadenze, hanno portato a un notevole miglioramento degli oneri finanziari, quasi dimezzati (-42,5%). Quindi, nonostante gli oneri straordinari sostenuti per la chiusura di due punti vendita, il risultato ante imposte cresce del 15,7% e l’utile netto, grazie a un minore carico fiscale, del 27,8% rispetto ai primi 9 mesi 2001.

Il piano di contenimento dei costi e di rinegoziazione dei debiti dà i suoi frutti; confermiamo le stime di un utile per azione pari a 0,05 e 0,1 euro rispettivamente per il 2002 e il 2003. Tuttavia il titolo è molto caro; non acquistare.

AUTOGRILL / BORSA

 

Più volatile della Borsa (linea sottile; base 100), Autogrill (in nero) è anche molto cara: non acquistare.

 

condividi questo articolo