Analisi
Corus 15 anni fa - lunedì 9 dicembre 2002

CORUS

SETTORE: siderurgia
BORSA: Londra
PREZZO: 29,25 pence; 0,46 EURO
RISCHIO: ***

A sorpresa Corus (BS.L) ha rinunciato alla fusione con la brasiliana CSN per l'instabilità del real e la congiuntura incerta, elementi peraltro già noti. Corus evita così un'operazione difficile e il pesante debito della brasiliana; tuttavia si priva dell'accesso a una fonte poco cara di minerali di ferro e rinuncia a economie per circa 5 pence per azione dal 2005. Il gruppo rimane comunque in difficoltà: il mercato britannico va meno bene delle attese e la valuta forte ostacola le esportazioni nella zona euro. Infine Corus fatica a migliorare la redditività e, sfumata la fusione con CSN, dovrà cercare nuovi mezzi per ridurre i costi (tagli al personale). Ci attendiamo quindi per il 2° semestre una perdita industriale e non più un utile. Qualche difficoltà, infine, nella vendita dell'attività alluminio.

Stimiamo per il 2002 una perdita per azione di 10 pence e per il 2003 un utile per azione di 14 pence, tenendo conto dei proventi della vendita dell'attività alluminio (10 pence per azione). Nonostante l'azione sia conveniente, non acquistatela. Mantenere.

CORUS (in pence)

 

 

L'avvertimento sugli utili e l'abbandono dei progetti in Brasile hanno pesato sul titolo. Mantenere.

 

condividi questo articolo