Analisi
Oxford Glycosciences 15 anni fa - martedì 3 dicembre 2002

OXFORD GLYCOSCIENCES

SETTORE: biotecnologie
BORSA: Londra
PREZZO: 165 pence
RISCHIO: *****

Oxford Glycosciences (OGS), specialista britannico della proteomica, cioè lo studio delle proteine e delle loro interazioni, ha pubblicato dati più che incoraggianti riguardo la Zavesca, la sua molecola vedette destinata alla cura del morbo di Gaucher. La Zavesca potrebbe ricevere dalle autorità sanitarie americane (FDA) la tanto attesa autorizzazione alla messa in vendita. Ricordiamo che, dopo essersi vista rifiutare questo prezioso permesso nel giugno scorso, la società si era consolata con il giudizio positivo espresso dalle autorità sanitarie europee (EMEA). Oggi questo giudizio si è trasformata in un'autorizzazione definitiva che dovrebbe permetterle di realizzare le prime vendite nella primavera 2003. In ragione dei potenziali effetti secondari, quali disturbo nervosi e/o gastrointestinali, l’EMEA ne ha comunque limitato l'utilizzo ai casi in cui l'attuale trattamento non sarebbe efficace. OGS potrebbe, quindi, ottenere la stessa autorizzazione negli Stati Uniti, dove la Zavesca potrebbe essere commercializzata a partire dal 1er semestre 2004.

Se, in un primo tempo, il numero di pazienti curati con la Zavesca resterà limitato, il suo utilizzo come alternativa alla cura del morbo di Gaucher, in Europa e negli Stati Uniti, dovrebbe costituire il primo passo verso una maggiore commercializzazione. Infatti, il prodotto non mancherà di suscitare l'interesse dei malati, sia per le modalità di somministrazione (orale) che per il costo (50% meno caro della concorrenza). Ma, prima di questo, bisogna che il medicinale dimostri anche di non avere effetti collaterali nocivi …

Nonostante le buone notizie, noi desidereremmo avere maggiori informazioni sull'utilizzo dei 153,4 milioni di sterline della tesoreria della società britannica che ha annunciato di voler effettuare un'acquisizione, entro il 1er trimestre 2003. Nell'attesa, MANTENETE.

ANDAMENTO DI OGS IN PENCE

condividi questo articolo