Analisi
Italcementi 14 anni fa - lunedì 20 gennaio 2003

ITALCEMENTI

SETTORE: costruzioni/immobili
BORSA: Milano
PREZZO: 8,89 EUR0
RISCHIO: **

Italcementi continua a registrare una discreta crescita in tutti i settori di attività e in quasi tutti i Paesi in cui è presente. Il comparto che evidenzia il più alto tasso di sviluppo è il calcestruzzo e inerti (20% circa del fatturato, cresciuto del 6,8%); quello che però fornisce il maggior contributo alle vendite è il settore del cemento che, nonostante una crescita più contenuta (+3,2%), genera oltre il 60% del fatturato complessivo. A livello geografico, solo l’Asia (4% fatturato) mostra segni di cedimento e registra riduzioni nelle vendite (-11%), mentre segnali di sviluppo provengono da Unione europea (72% vendite), nord America (15%) e Paesi emergenti (9%). Il gruppo resiste bene alla prolungata incertezza che caratterizza l’economia mondiale. Nei primi nove mesi del 2002 i ricavi sono infatti cresciuti del 4,4% e l’utile netto del 15,8% sul corrispondente periodo del precedente esercizio.

Prevediamo un utile per azione 2002 a 0,78 euro che salirà a 0,85 nel 2003. L’azione è correttamente, ma il settore del cemento ha una potenzialità di crescita nel lungo termine limitata. Vi consigliamo al massimo di mantenere l’azione. Vendete invece, se ne avete, le azioni risparmio, oggi sopravvalutate dal mercato.

ITALCEMENTI / BORSA 

 

Italcementi (nero; base 100) resiste alla crisi economica internazionale. Correttamente valutata; mantenere.

 

condividi questo articolo