Analisi
Dall'oro nero... al gasolio bianco 14 anni fa - lunedì 10 marzo 2003

DALL’ORO NERO… AL GASOLIO BIANCO

Ho letto che il gasolio bianco Gecam verrà utilizzato anche dalle auto, oltre che dagli autobus. Il titolo Camfin potrebbe salire? Secondo voi è da acquistare?

· Il "gasolio bianco" è un combustibile ecologico, ottenuto dall’emulsione di gasolio (88%), acqua (10%) e additivi che ne garantiscono la stabilità. Questo carburante, meno inquinante di quelli tradizionali, può essere usato per i veicoli e per riscaldamento.

· La società che produce il gasolio bianco è la Cam Tecnologie, controllata al 90% da Camfin; l’altro 10% è posseduto da società del gruppo Enel. Il titolo Camfin quotato a Piazza Affari (3 euro) potrebbe quindi beneficiare dell’espansione del gasolio bianco?

· La diffusione di questo tipo di combustibile non troverebbe ostacoli né dal punto di vista tecnico (può essere utilizzato senza modifiche dei veicoli diesel; al massimo occorre cambiare un filtro) né da quello del prezzo (il costo di produzione è poco più alto rispetto al gasolio tradizionale, ma ciò è compensato da alcune agevolazioni fiscali). Tuttavia, riteniamo improbabile una forte diffusione del gasolio bianco per le automobili, almeno in tempi brevi; il progetto di sperimentazione su motori automobilistici, infatti, è ancora in fase di studio da parte di Camfin e Agip (l’accordo tra queste società è stato approvato dall’Antitrust solo di recente). C’è il problema della distribuzione: il gasolio bianco non è al momento disponibile nelle normali stazioni di servizio. Non a caso, i clienti di Cam Tecnologie utilizzano quantità di carburante tali da giustificare la creazione di un proprio "deposito" per esso: aziende di trasporto pubblico (come l’ATM di Milano), trasporto pesante e igiene urbana, battelli… Certo il problema della distribuzione non è insolubile, ma comporterà un ulteriore rallentamento nella diffusione di questo carburante.

· Ma torniamo alla società: anche nel caso di buoni risultati di Cam Tecnologie, questa rappresenta solo una parte dell’attività di Camfin: attualmente i ricavi del gruppo derivano per il 15% circa da Cam Tecnologie e per l’85% da Cam Petroli, l’altra società del gruppo che opera nel settore del gasolio tradizionale. Nel 2002, inoltre, l’aumento delle vendite di Cam Tecnologie è stato più che compensato dal calo di quelle di Cam Petroli. Lo sviluppo del gasolio bianco, in pratica, erode una parte dei ricavi dell’altra società del gruppo.

· Non è tuttavia questo il motivo principale che ci porta a sconsigliarvi l’acquisto del titolo (con lo sviluppo della nuova tecnologia, infatti, il gasolio bianco toglierebbe "fette" di mercato non solo a Cam Petroli, ma anche ai concorrenti, avvantaggiando quindi Camfin). Alla base del nostro consiglio c’è invece un altro fatto: i risultati di Camfin sono sì influenzati dalle sue vendite, ma ancora di più dalle sue partecipazioni (il valore delle quote detenute in altre società rappresenta il 90% circa delle attività in bilancio). Camfin è infatti l’azionista principale (30% circa del capitale) di Pirelli & C., che controlla Pirelli Spa e Pirelli Real Estate (le due società che trovate nella nostra selezione). Da Pirelli Spa, poi, parte la catena di controllo di Olimpia, Olivetti, Telecom, Tim, Seat Pagine Gialle…

· Anche se stimiamo un miglioramento degli utili di Camfin nei prossimi anni (il gruppo ha chiuso i primi nove mesi 2002 con un utile inferiore a 0,01 euro per azione), il titolo rimane caro, e a suo favore non depongono neppure i risultati 2002 (piuttosto deludenti) pubblicati da Pirelli & C. Considerando anche la scarsa liquidità del titolo e la non contendibilità della società (Camfin è controllata da Gruppo Partecipazioni Industriali con oltre il 55% del capitale), sconsigliamo l’acquisto del titolo.

GASOLIO E PNEUMATICI A BRACCETTO… O QUASI

Il peso dalla partecipazione in Pirelli & C. (linea sottile; base 100) porta Camfin (grassetto) a seguirne le sorti anche in Borsa. Da qualche tempo, con lo sviluppo di Cam Tecnologie, il legame è meno stretto, ma diverse ragioni spingono comunque a sconsigliarvi l’acquisto di Camfin.

 

condividi questo articolo